Borgaro, Mappano e Caselle: la Festa della Donna e gli eventi promossi sul territorio


Nella giornata di ieri, giovedì 8 marzo, sono stati diversi gli eventi organizzati in occasione della ricorrenza. Tutti però, con un unico scopo: chiedere e ottenere finalmente uguaglianza sostanziale, e non formale, tra i due sessi. Altre iniziative nel week end.

di Giada Rapa

BORGARO – Nonostante, come per stessa ammissione dell’assessora all’Istruzione Marcella Maurin, la neve e il freddo di queste settimane non abbiamo particolarmente favorito il progetto, alla fine sono state due le panchine rosse inaugurate nella mattina di ieri, giovedì 8 marzo in piazza della Repubblica e realizzate dai ragazzi dell’associazione Sollievo e da quelli della scuola Carlo Levi. Proprio nei locali della scuola media è stata allestita un’esposizione degli elaborati dei ragazzi, che attraverso un percorso partito da novembre, in occasione della Giornata Mondiale con la Violenza sulle Donne, hanno riflettuto sulla condizione femminile, scoprendo e analizzando gli stereotipi di genere che ancora oggi persistono. Punto di partenza è stato il video “Neverland”, dell’artista Michal Cole e presentato al Padiglione dell’Umanità dell’ultima Biennale di Venezia. Traendo ispirazione dal mito di Sisifo, “Cole rappresenta una donna vestita come una casalinga degli anni ’50, intenta nell’assurdo di asciugare il mare con un mocio” ha spiegato il professor Gian Luigi Braggio, del Dipartimento di Arte e Immagine. Sempre nella mattinata, in precedenza, un nutrito gruppo di donne borgaresi, circa 200, si è riunito per un incontro di riflessione e preghiera per tutte le donne, presso la chiesa dei SS. Cosma e Damiano insieme al parroco don Stefano Turi. L’appuntamento, previsto per le 7 del mattino, si è concluso con una colazione condivisa nei locali dell’oratorio.

CASELLE – Si è tenuta una partita di calcio all’insegna della parità di genere, quella che si è disputata tra le ragazze della Categoria Esordienti del Borgonuovo – con una giovane atleta presa il prestito dal Don Bosco Caselle – e i ragazzi dei Pulcini, sempre del Borgonuovo. “Ringrazio soprattutto i genitori – ha commentato l’assessora alle Pari Opportunità Angela Grimaldi – perché portando le vostre figlie a calcio state attivando il cambiamento culturale. Questa partita vuole infatti essere una rappresentazione simbolica, per far comprendere che le donne possono praticare gli stessi sport degli uomini”. Presenti anche il Presidente del Comitato Territoriale UISP Ciriè Settimo Chivasso Ferruccio Valzano, che ha ricordato che le donne vanno festeggiate sempre e non soltanto l’8 marzo, e la Vicepresidentessa Lisa Sella. La sfida, che si è conclusa 5 -3 per le Esordienti, ha aperto la rassegna “365 Giorni Donna”: una serie di appuntamenti per tutte le età, che andrà a toccare molteplici temi legati al ruolo della donna e alla parità di genere, il cui prossimo è previsto per domenica 11 marzo. Al termine della partita, dopo la premiazione di entrambe le squadre, tutte le atlete e le donne presenti hanno ricevuto un rametto di mimosa, mentre a tutti i partecipanti e ai presenti è stato consegnato un segnalibro in ricordo della manifestazione e una scatola di cioccolatini. “Questi sono cioccolatini molto particolari – ha spiegato Lisa Sella – perché in occasione dell’evento organizzato il 25 Novembre hanno potuto finanziare due importanti realtà: una, il CIS, che si occupa di fornire assistenza alle donne e ai bambini vittime di violenza e l’altra, l’associazione Cerchi degli Uomini, che si rivolge invece agli uomini con atteggiamenti violenti”.

MAPPANO – Nella serata organizzata nel beo Comune, il tema predominante è stato quello della donna nel mondo del lavoro. L’evento, che non si preannuncia come sporadico, ma al quale si intende dare continuità -come dichiarato dall’assessora Cristina Maestrello – è stato condotto dalla Dirigente Scolastica degli Istituti Comprensivi di Borgaro e Mappano Lucrezia Russo. “Queste ricorrenze sono importanti,  ma un po’ mi rattristano, perché fanno comprendere che il cammino per la parità è ancora lungo. Soprattutto nel mondo del lavoro le donne devono affrontare una forte discriminazione, sia diretta, che indiretta. Momenti come quello di stasera devono servire per aprire un dibattito per superare gli stereotipi che ingabbiano anche gli uomini. Ma soprattutto noi donne, nel mondo del lavoro, dobbiamo superare i sensi di colpa che spesso abbiamo nel tentativo di conciliare famiglia e lavoro. Proprio per questo stasera sono qui con noi donne lavoratrici che ci racconteranno le loro esperienze” ha commentato la Russo. Nel corso della serata sono intervenute Elena Augelli, Vicepresidentessa di “Rete al Femminile”, che si occupa di aiutare le donne che vogliono aprire una propria attività; Antonia Tarantini, pedagogista specializzata in interventi assistiti con gli animali e in Pet Therapy, nonché fondatrice della Fondazione Aslan; Swada, laureate in letteratura e lingua somala, collaboratrice di Alma Terra e mediatrice culturale che si occupa soprattutto di donne migranti; Paola Ricchiardi, del Dipartimento di Filosofia e Scienze dell’Educazione, che al momento si occupa di un figlio naturale e 4 adottivi.

ALTRE INIZIATIVE NEL WEEK END – Domani sera, sabato 10 marzo, a Borgaro è previsto all’Hotel Atlantic un gran Galà organizzato dal Comitato Donne Borgaresi che è ormai diventato un’immancabile tradizione non solo per la città, ma anche per i comuni limitrofi. Un evento all’insegna dell’eleganza, del divertimento della buona musica e soprattutto della beneficienza. A Caselle, invece, sempre sabato 10, presso la Sala Fratelli Cervi it.ART presenta “Chile. Voces De Mujeres” per la la regia di Luca Pivano e allestito dalla Compagnia Teatro Instabile delle Gambe sotto il Tavolo. Durante la serata letture di scritti di sei poetesse cilene accompagnate dalla chitarra acustica di Marco PalettoAncora a Caselle, domenica 11 marzo alle ore 16.30 presso la Sala Fratelli Cervi, si terrà uno spettacolo di pupi siciliani dal titolo “Storia di una Staffetta Partigiana: Teresa”.


Commenti

commenti