Borgaro: i residenti delle ex case Cit di via Gramsci chiedono l’intervento del Comune


I problemi maggiori segnalati da alcune persone del posto riguardano gli episodi di vandalismo e l’utilizzo improprio dei cassonetti dell’immondizia da parte di chi non abita nel caseggiato.

Borgaro – Gli abitanti di via Gramsci del complesso ex case Cit sono ormai esasperati. “L’ultimo episodio di vandalismo è accaduto due notti fa – racconta un condomino dello stabile che esprime anche il pensiero di tanti altri – quando qualcuno ha dato fuoco ad un cassonetto della carta e a uno dell’umido, estendendo il rogo anche ad un frigorifero lì presente.  Non è la prima volta che accade e siamo veramente esasperati”.

“Inoltre – continua – si aggiunge anche il deprecabile fenomeno dell’utilizzo dei nostri cassonetti da parte di chi non abita nello stabile. Gente che arriva in macchina, butta di tutto senza pensare minimamente alla raccolta differenziata, e subito scappa. Più volte ne ho sorpresi qualcuno e gli ho urlato dalla finestra, ma non è servito a niente. Mi sono rivolto al Sindaco, ma al momento la situazione non è cambiata. Il mio suggerimento – conclude il residente – è spostare i cassonetti in un luogo meno nascosto, più visibile dalla strada principale, perché ora sono sistemati in un’area interna al complesso abitativo”.

Dal Comune ribattono che la vicenda è seguita da tempo dagli uffici competenti e che sono state individuate delle aree alternative sulle quali realizzare le isole ecologiche.  Spetta ora al condominio costruirle.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio