SPORT – Il Giovane Calciatore: l’importanza della formazione neuromuscolare


Nella serata promossa dall’Accademia del Calcio all’Hotel Atlantic di Borgaro, , il professor Giovanni Bonocore ha parlato della metodologia di preparazione atletica e tecnica dei giocatori in erba.

di Giada Rapa

Preparare tecnicamente il giovane calciatore, facendogli scoprire le varie metodologie di allenamento, ma aiutandolo anche a conoscere sé stesso e il proprio corpo. Sono stati questi gli argomenti trattati nella serata promossa dall’Accademia del Calcio presso l’Hotel Atlantic, che ha visto come relatore il professor Giovanni Bonocore. Durante la conferenza Bonocore ha parlato dell’importanza del lavoro neuromuscolare in età adolescenziale, che aiuta a migliorare lo sviluppo neurale dei giovani. “È importante saper miscelare adeguatamente salute e performance. Inoltre non si deve nascere e morire calciatori, è bene che questi ragazzi sperimentino anche altre discipline sportive. I calciatori migliori sono quelli che sanno fare anche altri sport” ha spiegato Bonocore.

Ma questo non basta. Secondo il docente al Master di “Teoria e Tecnica della preparazione atletica nel Calcio” e consulente per la valutazione della Performance Centro “Sport & Anatomy” presso l’Università di Pisa, i giovani di oggi necessitano di maggiore allenamento. “I ragazzi devono scoprire le varie metodologie di allenamento, capire per quale motivo stanno eseguendo determinati esercizi. Il nostro compito è infatti quello di costruire il giovane, che deve diventare un adulto pensante”. È inoltre importante che i ragazzi imparino a “staccare il cervello” attraverso le giuste tecniche di rilassamento. Bonocore ha inoltre parlato di iCryptex Training, APP da lui stesso ideata, che aiuta l’atleta, preparatori atletici ed allenatori, a capire come ci si debba allenare, sfruttando semplicemente l’utilizzo del proprio smartphone.


Commenti

commenti