Borgaro: Massimo Giandinoto convocato nella Nazionale Italiana di Para-Rafting


Il giovane atleta rappresenterà l’Italia nei Mondiali che si svolgeranno a Kiev dal 9 al 13 ottobre.

di Giada Rapa

Continua la lista delle eccellenze borgaresi in campo sportivo. Massimo Giandinoto, atleta paralimpico che all’età di 9 anni ha scoperto di avere un osteosarcoma al calcagno del piede sinistro che gli ha portato l’amputazione dell’arto, oggi fa parte della Nazionale Italiana che parteciperà ai Mondiali di Para-Rafting che si svolgeranno a Kiev, in Ucraina, dal 9 al 13 ottobre prossimi. Giandinoto porterà con orgoglio la maglia azzurra, “tanto voluta e tanto attesa, che per chi pratica sport a livello agonistico è un sogno che si realizza”.

Il ragazzo, sponsorizzato dall’azienda di teleriscaldamento Cogenpower Borgaro, non ha mai negato di aver ritrovato, attraverso l’attività sportiva, un mezzo di rinascita. Lo scorso anno Massimo aveva già partecipato Test-Event di Para-Rafting che si è sempre svolto a Kiev, all’incirca nello stesso periodo. “Quella trasferta, nella quale partivo con i colori della nostra Nazione, rappresentava già il coronamento di un sogno. Ma volevo fare tutto il possibile per indossare nuovamente quella maglia. È stato un anno pieno di sacrifici e di moltissimi allenamenti, dove ha sempre prevalso la voglia di fare”. E la caparbietà di Giandinoto è stata ripagata, con la convocazione arrivata dopo il raduno di Luino nell’ambito della manifestazione Sport senza Barriere. “Un grazie va al nostro DT Paolo Benciolini, al Coach Elena Bragastini e alla Federazione FIRAFT per questa grande opportunità! Ma in particolare io ringrazio come sempre la mia compagna Rossella e tutta la mia famiglia, per il costante supporto giornaliero. Si parte con un grande entusiasmo e voglia di fare bene, per portare in alto il valore della nostra Italia!” ha commentato con entusiasmo Giandinoto.

Assieme a Massimo partiranno per Kiev anche il compagno del club Anatre di Fiume Rosario Sperandini -che con Giandinoto è anche andato nelle scuole di Borgaro e Mappano per raccontare le diverse esperienze di vita-, Riccardo Novella di AqQua Rafting e Salvatore Cutaia e Marco Montagna di Movimento & Natura.


Commenti

commenti