Crisi River Borgaro: nonostante il Palazzetto dello Sport sia chiuso la Lo.Vi Basket non si arrende


In un Comunicato Stampa, l’associazione conferma che, nonostante il grande periodo di incertezza, “continuerà a lottare per tutti coloro che vogliono giocare a pallacanestro nella propria città e per la squadra della propria città”.

dalla Redazione

La chiusura a tempo indeterminato degli impianti natatori gestiti dalla Polisportiva UISP River Borgaro nei comuni di Borgaro, Ciriè e Robassomero ha causato non pochi problemi ai tantissimi atleti che hanno sempre praticato discipline acquatiche. Sul comune di Borgaro la situazione è ancora più difficile, dal momento che la River Borgaro ha anche sospeso le attività all’interno del Palazzetto dello Sport, colpendo duramente anche le altre associazioni sportive del territorio. Tra queste, la Lo.Vi Basket, che in un comunicato ha voluto dare un po’ di speranza, dimostrando grande voglia di non arrendersi.

“In questo momento di grande incertezza e profonda tristezza per lo stato dello sport nella nostra città, è desiderio di tutto il direttivo Lo.Vi Basket ringraziare le famiglie e le singole persone che non hanno mai smesso di dimostrare il proprio supporto all’attività proposta dalla nostra società e tutti coloro che, privati delle certezze degli anni precedenti, hanno scelto di avventurarsi con noi alla ricerca di nuove risposte. Oggi, come da 6 anni a questa parte, la nostra priorità è promuovere la pallacanestro a Borgaro, portare avanti un progetto educativo rivolto a tutti coloro che fanno della felicità dei propri figli e non del risultato il vero obiettivo da perseguire. Oggi più che mai siamo impotenti davanti ad una macchina burocratica che si muove lenta e minacciosa dinnanzi e noi e quando il terreno sotto i piedi sembra mancare, l’unico nostro appiglio rimane la consapevolezza che fintanto che ne avremo la possibilità noi continueremo a lottare per tutti coloro che vogliono giocare a pallacanestro nella propria città e per la squadra della propria città” commentano i Dirigenti.

Il futuro è sicuramente incerto, ma la voglia di andare avanti, nonostante le difficoltà, è tanta. “Potremmo non vincere o potremmo anche non avere la possibilità di partecipare, ma la cosa importante è che oggi ci siamo e speriamo di continuare ad esserci per tutti coloro che condividono il nostro sogno, per tutti coloro che sono stati privati della gioia di fare sport, per tutta la comunità di Borgaro”.


Commenti

commenti