Due giorni di sciopero per i lavoratori della ex Canale di Borgaro


L’agitazione è stata indetta dai rappresentanti sindacali di CGIL, CISL e UIL per lunedì 17 e martedì 18 febbraio. Nelle stesse giornate ci saranno degli incontri presso il Comune di Borgaro e in Regione Piemonte per parlare della difficile situazione della ditta, ora Elcograf.

dalla Redazione

I mesi passano, ma per i lavoratori dello stabilimento tipografico borgarese ex Canale spa, ora di proprietà del gruppo Elcograf, la situazione sembra non migliorare e si avvicina sempre più la scadenza del periodo di cassa integrazione, fissato per la fine del 2020 Per questo i rappresentanti di SLC-CGIL, FISTEL-CISL UILCOM- UIl, dopo quello del 23 dicembre scorso, hanno indetto altre due giornate di sciopero su tutti i turni di produzione per l’inizio della prossima settimana. In particolare nella mattinata di lunedì 17 febbraio i rappresentanti sindacali di categoria saranno ricevuti a Palazzo Civico di Borgaro dal Sindaco Claudio Gambino, mentre nel pomeriggio del giorno dopo, martedì 18 febbraio, il tavolo di discussione si sposterà a Torino, presso la Direzione Istruzione, Formazione e Lavoro della Regione Piemonte, alla presenza anche di esponenti di Elcograf.

Ricordiamo che la difficile situazione aziendale si protrae ormai da oltre un anno e coinvolge in totale 155 lavoratori, in cassa integrazione a zero ore. Tuttavia, lo stabilimento di via Liguria svolge ancora delle commesse e saltuariamente occupa poche decine di lavoratori, ma parte del suo edificio è stato svuotato dei macchinari e affittato ad altre aziende.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio