L’assessora scrive alle famiglie: “A Borgaro non sarà attivato il Centro Estivo”


La decisione, comunica dall’assessora all’Istruzione Pina Fabiano, è stata “guidata dal senso di responsabilità e nell’interesse dei cittadini borgaresi”.

L’ASSESSORA PINA FABIANO

dalla Redazione

Dopo qualche settimana di incertezza, alla fine l’amministrazione comunale ha deciso: per quest’anno, Borgaro non attiverà alcun Centro Estivo sul proprio territorio. A comunicare la sofferta scelta è stata l’assessora all’Istruzione Pina Fabiano, attraverso una lettera indirizzata alle famiglie.

“Le motivazioni che ci hanno portato a questa decisione sono da ricondursi sia alla difficile gestione delle attività sotto l’aspetto sanitario sia al numero decisamente basso di adesioni preliminari, come da risposte al sondaggio” ha spiegato Fabiano, sottolineando anche come abbia prevalso “il senso di protezione nei confronti dei nostri bambini, che hanno certamente l’esigenza di ritornare alla loro vita sociale e comunitaria, ma con regole precise e protocolli definiti”.

“Di questa decisione -ha continuato l’assessora- mi prendo la completa responsabilità, in quanto, da medico, ho fatto prevalere le ragioni -e le criticità- sanitarie su tutto il resto. Non abbiamo, inoltre, potuto non tener presente che il ridotto numero di intenzioni di partecipazione, a fronte di un aumento complessivo dei costi, avrebbe determinato un notevole aggravio della spesa per le famiglie”. “Mi scuso per il ritardo nella comunicazione, indipendente dalla mia volontà, ma dettato dalla vana attesa di risposte da parte degli organi competenti in materia sanitaria” è la conclusione della lettera informativa.  


Commenti

commenti