Premiati i vincitori del concorso “Borgaro e i Balconi Scintillanti”


I primi tre classificati sono stati premiati nella tarda mattinata di ieri, durante il Mercatino di Natale. Per loro buoni spesa da utilizzare nei negozi della città che hanno aderito all’iniziativa.

dalla Redazione

Giuseppe Insalaco è il vincitore della prima edizione di Borgaro e i Balconi Scintillanti, seguito da Laura Finco e Anna Maria Renda. Ai premiati buoni spesa per un valore complessivo di 450 euro (200 euro al 1°, 150 al 2° e 100 al 3°) da utilizzare per gli acquisti nelle 32 attività commerciali che hanno aderito all’iniziativa.

In totale sono state 17 le famiglie che si sono iscritte al concorso e che nel loro piccolo stanno contribuendo a rendere più “scintillante” la cittadina. Per i 5 giurati (Giada Rapa, Presidente di Giuria, in qualità di rappresentante dell’associazione Sinapsi, ente che ha curato la gara, Eugenio Bertuol, assessore in rappresentanza del Comune di Borgaro, Stefano Tubia, giornalista de Il Risveglio, Vanni Novara, artista borgarese, e Lorenzo Terlizzi, giovane Sindaco del Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze di Borgaro) non è stato un compito facile, visto che tanti sono i balconi che meritavano di salire sul podio.

Balcone 1° classificato

Alla fine l’ha spuntata, appunto Giuseppe “Peppuccio” Insalaco che ha ottenuto 37,5 voti (balcone in via Bertino 89, p. terra), 2,5 in più di Laura Finco (35 punti, balcone in via Italia 18, 2° p.) e 5.5 in più di Anna Renda (32 punti balcone in via S. Chiara 16, 2° p.). Quarto posto per Smilenova Maya (23 punti, balcone in via Lanzo 125, 2° p.) e quinto per la famiglia Cotroneo (17 punti, balcone in via dei Mille 8/a, 1° p. ). Per tutti gli altri il sesto posto a pari merito.

Balcone 2° classificato
Balcone 3° classificato

Come hanno sottolineato il Sindaco Claudio Gambino e il Presidente di Sinapsi Gianni D’Amelio, l’iniziativa è sicuramente da ripetere il prossimo anno, magari curando ancora di più alcuni aspetti per stimolare una maggiore partecipazione.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio