Bagno di folla per la TransBorgaro 2023


Buona partecipazione di pubblico alla 41esima edizione della gara internazionale di motocross che nel weekend appena trascorso ha visto scendere in pista vecchie glorie e talenti emergenti.

dalla Redazione

Anche la 41esima edizione della TransBorgaro va in archivio, con numeri di tutto rispetto. A partire dalle migliaia di appassionati che tra sabato 25 e domenica 26 novembre hanno assistito alla competizione organizzata dall’ASD Borgaro Motocross e da MotoASI, ma anche dagli oltre 200 piloti che per due giorni si sono dati battaglia sulla pista di via America, tra vecchie glorie e atleti emergenti.

Restando nell’ambito della TransBorgaro classica, la gara della domenica per intenderci, l’americano Broc Glover si è imposto nella categoria anni ’70, precedendo il belga Marc Gustaff Velkeneers e l’italiano Luciano Picco. A stelle e strisce anche il podio della categoria anni ’80 che ha visto primeggiare Dough Dubach davanti agli italiani Carlo Rotella e Paolo Caramellino. Italiano invece il vincitore della categoria anni ’90 che ha incoronato Fabrizio Dini davanti all’americano Jeff Stanton e all’inglese James Dobb. Infine la categoria 2000, novità di quest’anno della TransBorgaro, che ha visto vincere Davide Guarnieri, seguito dal connazionale Alessio Chiodi e dal lettone Lauris Freibergs.

Soddisfatto dell’andamento della manifestazione Bruno Morselli, Presidente dell’ASD Borgaro Motocross, società promotrice e organizzatrice dell’evento. “Anche quest’anno registriamo un grande successo della TransBorgaro, frutto di un lavoro di squadra durato mesi. Ringrazio gli amici di MotoASI, a partire da Marco Magnetti, e tutti i volontari che si sono messi a disposizione per rendere unici i due giorni di motocross appena trascorsi” ha dichiarato, dando appuntamento al prossimo anno.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio