Caselle: in commissione consiliare si è parlato di rifiuti e del bilancio di Seta spa


Presente all’incontro Alessandro Di Benedetto, Presidente della società che si occupa della raccolta e smaltimento dei rifiuti su mandato dei comuni appartenenti al Consorzio Bacino 16.

di Cristiano Cravero

Caselle – Una commissione Bilancio scoppiettante quella vista nella serata di lunedì 19 dicembre a Palazzo Mosca. “Siamo arrivati a stanziare la somma di 20 mila euro per la rimozione delle discariche abusive” ha affermato il Vicesindaco Giovanni Isabella. La dichiarazione è seguita all’intervento del consigliere del Movimento 5 Stelle Marco Boscolo: “Ogni mattina passo in via Libero Grassi e noto sempre mucchi di immondizia fuori dai cassonetti. Non sarebbe opportuno rimuoverli?”. Da qui la risposta di Isabella, che ha aggiunto: “Abbiamo ripulito l’area già un paio di volte. Andremo a svolgere un controllo con gli ispettori di Seta”.

Alessandro Di Benedetto, Presidente di Seta spa

E a proposito di Seta. ospite della riunione c’era il Presidente Alessandro Di Benedetto che ha illustrato in che modo s’intende rientrare del debito milionario della società a partecipazione pubblica. “Sono stato nominato nel 2012 – ha raccontato Di Benedetto: e ho subito accertato i debiti e i crediti, notando come dal 2007 al 2012 si è chiuso con delle passività. Sono stato sottoposto a cinque provvedimenti penali. Non solo dovevo pagare gli stipendi e i contributi ma anche le tasse. A fine 2012 abbiamo chiuso in positivo di 707.799 euro,  aumentando i conferimenti in discarica di 99 tonnellate d’inerti. Nel 2013 abbiamo riorganizzato la società, terminando ancora in positivo con 1.460.553 euro e licenziando due capi e ventidue dipendenti sorpresi a fare altro nell’orario di lavoro. Inoltre, ho firmato un decreto ingiuntivo al Consorzio Bacino 16 perché avevo un credito importante. Nel 2014 – ha ancora aggiunto il Presidente di Seta – abbiamo chiuso con un utile di 503.162 euro e nel 2015 con 488.318 euro. Ho anche accantonato dei fondi per la copertura di sanzioni e interessi. Nei prossimi mesi installeremo in gps sui mezzi della raccolta porta a porta, al fine di contenere i disservizi”.

Alla commissione hanno partecipato anche dei cittadini ai quali, con il benestare del sindaco Luca Baracco, è stata data la parola. Sono stato sollevate questioni riguardanti l’insufficiente spazzamento automatico delle strade, la mancata differenziazione della frazione organica e il non frequente svuotamento dei cestini stradali. I residenti presenti hanno assicurato che da adesso in avanti terranno sotto controllo la situazione segnalando agli organi comptenti disservizi nella raccolta dei rifiuti che si verificheranno sul territorio casellese.

 

 


Commenti

commenti