Caselle: Che fare in caso di pericolo e di emergenza sociale? Lo spiega la Protezione Civile


Buon riscontro di pubblico per la prima delle quattro serate organizzate dai volontari del corpo per informare e formare i cittadini su vari problemi e i relativi comportamenti da adottare in caso di forti avversità.

di Alessia Sette

Caselle – Si è svolta mercoledì 18 gennaio, presso la Sala Fratelli Cervi, la prima serata organizzata dalla sezione locale della Protezione Civile dedicata al corso info-formazione rivolto alla cittadinanza, per affrontare tematiche comportamentali in casi di calamità naturali. Attraverso l’ausilio di slide, opuscoli e spiegazioni verbali i volontari hanno mostrato i tipi di problemi che possono insorgere e quali azioni fare e quali evitare. Con semplicità e chiarezza le tematiche affrontate sono state: la crisi idrica, il black out elettrico, gli eventi sismici, i rischi idrogeologici, l’inquinamento delle acque, nubifragi e trombe d’aria, emergenza neve, incendi, incidenti stradali e domestici. Un aiuto concreto quindi a tutti i cittadini, che devono conoscere i pericoli e sapere come comportarsi. Un aiuto che la Protezione Civile si impegna a dare con l’ausilio dei Vigili del Fuoco, delle Forze Armate, della Croce Rossa e delle altre organizzazioni di volontariato di primo soccorso.

“Un grazie dal profondo ai volontari – ha commentato il Sindaco Luca Baracco – per il tempo che quotidianamente dedicano al territorio. A Caselle è presente una struttura organizzata, che mira a creare consapevolezza nella città. Per questo ci saranno degli incontri anche nelle scuole che sensibilizzeranno i più piccoli sui temi attuali”. Il Vicesindaco Giovanni Isabella ha aggiunto che “il cittadino informato è il primo volontario della Protezione Civile. Dal 2009 i passi in avanti sono stati molteplici e grandi: 40 volontari che si impegnano costantemente e che fanno capo alla sala operativa e centrale di via Audello, nella quale ci si riunisce il giovedì”.

I prossimi appuntamenti sono previsti per il 15 febbraio, il 15 marzo e il 19 aprile sempre nella Sala Fratelli Cervi di via Mazzini a partire dalle ore 21.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio