Caselle: premiazione in Sala Consigliare per la sezione “G” della scuola Andersen


Gli alunni della materna sono arrivati primi nel concorso nazionale indetto dalla Fondazione Napoli Novantanove “Adotta un monumento”. I bimbi hanno scelto il Monumento all’Emigrante, realizzato dall’artista Domenico Musci, lavorando sull’impegnativo tema dell’emigrazione e dell’immigrazione.

di Giada Rapa

Caselle – Il 7 novembre 2017, una piccola delegazione casellese, Sindaco Luca Baracco compreso, è volata a Napoli per la cerimonia di consegna del premio “Concorso Nazionali Napoli Novantanove“. Su 1.000 scuole partecipanti, la vittoria è infatti andata alla sezione G della scuola dellInfanzia “Andersen” di Caselle. “Che avventura mi avete fatto vivere – ha commentato Baracco rivolgendosi ai piccoli protagonisti della cerimonia svoltasi nel pomeriggio di venerdì 9 marzo presso la Sala Consiliare – che orgoglio nel rappresentare un’istituzione scolastica che lavora così bene e che emozione nel portare il saluto della città di Caselle di fronte a 400 studenti e ai rappresentanti dei 45 comuni partecipanti”.

Aderendo al progetto della Fondazione Napoli Novantanove “Adotta Un Monumento”, i bambini della sezione G insieme alle loro maestre Sonia Fava e Livia Piombi, hanno infatti adottato il Monumento all’Emigrante, realizzato dall’artista Domenico Musci, lavorando sull’impegnativo tema dell’emigrazione e dell’immigrazione. “Avete riflettuto sull’accoglienza, sull’impegno a riconoscere le differenze, sulla loro valorizzazione e sul rispetto di queste ultime. Questa è la scuola che ci piace e sulla quale occorre investire risorse, non soltanto economiche” ha concluso il Sindaco. “Il monumento scelto non vuole essere solo un riferimento geografico, ma anche un simbolo che ci racconta la storia di un luogo. A Napoli eravamo i più piccoli, ma allo stesso tempo i più grandi” ha commentato la Dirigente Scolastica Loredana Meuti parlando ai “suoi” alunni. L’assessora Erica Santoro ha invece ripreso il concetto di monumento per affermare che “un altro monumento è il nostro istituto, che va protetto e difeso sempre. In una società definita liquida, la scuola diventa un partner fondamentale. Ringrazio le persone che ogni giorno lottano con gli amministratori per tenerla viva”. Presente all’evento anche l’assessora Regionale Gianna Pentenero. “Dobbiamo voler bene alla nostra scuola -ha commentato – e ringrazio gli insegnanti, i piccoli artisti e i genitori per aver dimostrato che la scuola è espressione di comunità”.

A conclusione degli interventi l’attestato della vittoria della medaglia d’oro stellata è stata consegnata alle maestre, mentre la signora Marinella Musci e Gianna Pentenero hanno distribuito ai piccoli, ancora ordinatamente seduti tra i banchi del Consiglio Comunale, i braccialetti ricordo della premiazione. Gli alunni hanno inoltre regalato a Pentenero una maglietta con la lettera “G”.


Commenti

commenti