4 Novembre a Borgaro, Caselle e Mappano: festeggiamenti contenuti, nel rispetto delle norme anticovid


Celebrazioni ridotte al minimo per la Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate. L’ex frazione si affida esclusivamente ad un messaggio del Sindaco sui social network.

di Giada Rapa

4 Novembre, Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate. Una celebrazione che, proprio come accaduto in occasione del 25 Aprile, cade in piena pandemia. E come già accaduto in occasione dell’anniversario della Liberazione Italiana, le manifestazioni sono state ridotte al minimo o, in alcuni casi, evitate.

CASELLE – La città dell’aeroporto ha deciso di celebrare il 4 Novembre con qualche giorno di anticipo, per l’esattezza domenica 1° novembre, anche anniversario dei Santi e dei Defunti. Proprio per questo motivo la mattinata è iniziata con un omaggio floreale presso la Croce di Tutti i Defunti e al cippo dei Caduti Senza Croce, situati presso il Cimitero Comunale, seguita dalla messa nella chiesa di Santa Maria Assunta. All’uscita, un piccolo corteo composto dal Sindaco Luca Baracco in prima fila, dal Vicesindaco Paolo Gremo, e da un paio di rappresentanti del Gruppo Alpini e dell’Associazione Carabinieri in Congedo si sono spostati il Piazza Europa per la posa della corona d’alloro presso il Monumento dei Caduti di Guerra. Qui il Sindaco ha tenuto un breve discorso, sottolineando l’importanza di ricordare, sia come monito della follia della guerra, sia per ringraziare coloro che in questo momento stanno combattendo contro la pandemia.

BORGARO – Cerimonia riservatissima, con un cambio di orario all’ultimo minuto. Le celebrazioni, inizialmente previste per le 10.30 -con il ritrovo e l’alzabandiera da parte degli Alpini in Piazza Europa e la deposizione degli omaggi floreali davanti alla lapide ai Caduti in Piazza Vittorio Veneto, seguito da un omaggio floreale presso il Monumento ai Caduti di via Settimo per poi concludersi con la deposizione di un mazzo di fiori al Mausoleo del Cimitero Comunale– si sono invece svolte all’incirca con un’ora di anticipo. La cerimonia, ancora più ridotta di quanto previsto, si è svolta alla sola presenza del Sindaco Claudio Gambino e del Comandante della Polizia Municipale Roberto Mattiello.

MAPPANO – Non c’è stata alcuna cerimonia, invece, nell’ex frazione, soltanto poche righe affidate a Facebook da parte del Sindaco Francesco Grassi. “Il 4 Novembre, nel giorno dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate, ricordiamo i caduti di tutte le guerre. Il loro esempio ci sproni ad affrontare con coraggio e generosità le sfide del nostro tempo. Viva l’Italia, onore ai nostri caduti!”. Un ringraziamento particolare è inoltre stato dedicato ai volontari del Comitato per i Servizi, i quali anche quest’anno, nonostante la mancanza di una celebrazione vera e propria, si sono occupati della manutenzione del Monumento ai Caduti di Tutte le Guerre.

E’ in pubblicazione online il numero di OTTOBRE di SULLASCIA.NET Leggi il giornale / SCARICA IL GIORNALE


Commenti

commenti