Borgaro: un Consiglio Comunale per discutere sull’emergenza CoVid-19


Nel corso dell’assise, le opposizioni hanno avanzato proposte al fine di sensibilizzare la cittadinanza e chiesto delucidazioni sulle modalità di presidio del territorio per arginare il più possibile la diffusione del virus.

di Giada Rapa

Per la prima volta dall’inizio della pandemia, i cittadini di Borgaro hanno potuto seguire in diretta streaming il Consiglio Comunale svoltosi nel tardo pomeriggio di lunedì 2 novembre. Un’assise particolare, richiesta in via d’urgenza dai gruppi di opposizione, al fine di discutere eventuali provvedimenti al fine di limitare il più possibile la diffusione del CoVid-19.

In città il virus corre veloce: nella serata di lunedì il numero di positivi era di 238 soggetti anche se “fortunatamente”, come spiegato dallo stesso Sindaco Claudio Gambino, soltanto 3 persone di età superiore agli 80 anni sono attualmente ricoverati in ospedale, seppure in condizioni non gravi. Tutti gli altri casi risultano invece asintomatici o con una sintomatologia lieve. In un lungo dibattito -iniziato un po’ in sordina e dopo alcuni interventi piuttosto piccati delle consigliere di opposizione Cristiana Sciandra e Cinzia Tortola a seguito di quella che sembrava una mancata volontà di confronto da parte della maggioranza- è stato affrontato in particolare il tema della percezione della pandemia, “vissuta oggi più come un fastidio che come una malattia”. Nel dibattito è emersa la volontà di collaborazione di tutte le parti in causa, soprattutto per cercare di sensibilizzare maggiormente la cittadinanza sull’uso della mascherina, dell’igienizzazione delle mani e sul mantenimento del distanziamento sociale. “Tuttavia -ha espresso il Sindaco- se non ci saranno interventi più incisivi da parte del Governo, difficilmente sarà possibile arginare il contagio”.

IL CONTAGIO A SCUOLA – Per quanto riguarda la situazione dell’Istituto Comprensivo, a relazionare sull’andamento è stata l’assessora all’Istruzione Pina Fabiano. Quest’ultima ha messo in evidenza l’ottima collaborazione tra amministrazione comunale, Dirigenza Scolastica e pediatri del territorio. La quale sta permettendo ai bambini e ai ragazzi di Borgaro di proseguire le lezioni in presenza, in un modo sicuramente diverso dagli anni precedenti, ma senza annullare del tutto questo importante punto di contatto sociale. E la buona organizzazione in questo ambito si evince anche dai numeri, dal momento che due classi della Scuola Primaria e una della Scuola Secondaria sono ormai giunte alla fine dell’isolamento, mentre una classe della Secondaria ha iniziato da pochi giorni il periodo di quarantena.

DISCUSSE ANCHE DUE MOZIONI – La convocazione urgente è anche stata l’occasione per il Movimento 5 Stelle di presentare due mozioni. Una relativa alla sicurezza lungo la ciclopedonale che collega Borgaro a Caselle -respinta, dal momento che non è attualmente possibile modificare il percorso, anche se gli assessori Fabrizio Chiancone (Borgaro) e Giovanni Isabella (Caselle) stanno lavorando per migliorare gli accessi al distributore di benzina– e una in merito all’attivazione dello streaming o della differita del Consiglio Comunale, già presentata e approvata nel 2014, ma mai fattivamente messa in pratica. Quest’ultima, pur essendo stata brevemente discussa, è poi stata ritirata dalla consigliera Tortola, essendo già stata messa in atto.

E’ in pubblicazione online il numero di OTTOBRE di SULLASCIA.NET Leggi il giornale / SCARICA IL GIORNALE


Commenti

commenti