A Caselle una mostra su Gaetano Scirea


L’esposizione, realizzata dal fotografo siciliano Salvatore Giglio, apre oggi, 2 ottobre fino al 18. presso i locali di via Bona 29.

di Giada Rapa

La maggior parte lo conosce in veste di giocatore della Juventus. Alcuni hanno avuto la fortuna di conoscerlo come uomo e come amico. La famiglia lo ricorda nella sua sfumatura più intima, quella di marito e di padre. Sono tante le sfaccettature di Gaetano Scirea, indimenticabile grande capitano bianconero, scomparso 31 anni fa a causa di un incidente stradale.

Tutte le varie sfaccettature di Scirea sono raccolte nella mostra fotografica “Un Uomo, un Capitano, un Campione” che la città di Caselle ospitata da oggi, 2 ottobre, fino l 18, presso i locali del Centro Incontro di via Basilio Bona 29. L’evento, annunciato con l’entusiasmo che lo contraddistingue da Stefano Dinatale, Presidente del Lions Club Caselle T.se Airport è stato reso possibile grazie alla collaborazione, appunto, tra i Lions, il Comune di Caselle e l’associazione sportiva Caselle Calcio. La mostra è composta da 50 fotografie, realizzate dallo storico fotografo della Juventus Salvatore Giglio, unico italiano ad essere stato inserito, nel 2009, nella lista della UEFA’s World’s Best Soccer Photographers, ovvero nell’elenco dei 14 migliori fotografici al mondo in ambito calcistico.

“Dico sempre che ci sono uomini e calciatori, poi grandi uomini e grandi calciatori. E poi c’è Gaetano, che con la sua semplicità rendeva tutto più facile. Fotografare la semplicità è difficile, con lui invece ci sono riuscito. Nelle fotografie che ho scelto per questa mostra c’è il suo quotidiano e la sua vita vissuta. Papà, marito, giocatore: 50 foto che raccontano di lui, dalla Juve fino alla foto dell’incidente” ha commentato Giglio.

La mostra seguirà i seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle 14.30 alle 18.30, sabato e domenica dalle 10 alle 12, dalle 14.30 alle 18.30 e dalle 20.30 alle 22.


Commenti

commenti