Anche il casellese Massimo Ferrarini per il Vitamine Jazz Virtuale


L’iniziativa, promossa dalla Fondazione Medicina a Misura di Donna Onlus, in collaborazione con AVO -Associazione Volontari Ospedalieri- si svolge generalmente presso l’Ospedale Sant’Anna di Torino.

di Giada Rapa

Un progetto di alleanza tra cultura e salute che cresce di anno in anno. Dal 2016, infatti, la musica abbraccia l’ospedale del Sant’Anna di Torino con progetto “Vitamine Musicali” un progetto promosso dalla Fondazione Medicina a Misura di Donna con AVO -Associazione Volontari Ospedalieri: dal Day Hospital oncologico per accompagnare durante la chemioterapia, alla sala attesa del Terzo Paradiso, al Reparto Maternità per dare il benvenuto alla vita. In questi anni sono stati 215 gli artisti intervenuti in più di 420 appuntamenti, configurando le Vitamine musicali come il più ampio programma “dal vivo” mai realizzato in un ospedale. Un focus speciale è dedicato al ciclo “Vitamine Jazz”, curato da Raimondo Cesa -regista teatrale ed esperto in arti performative- che coinvolge tutta la comunità degli artisti jazz torinesi.

L’attuale emergenza sanitaria non ha ovviamente permesso il normale svolgimento della kermesse, ma Cesa ha comunque pensato di organizzare una “Vitamine Jazz Virtuale” con numerosi artisti. Tra questi il casellese Massimo Ferrarini, voce del gruppo Let’s Beat, che ha proposto una personale versione della canzone “Blackbird” dei Beatles. “All’ospedale Sant’Anna di Torino io ci sono nato alcuni anni fa… Ma nemmeno troppi” scherza Ferrarini. “Ringrazio Raimondo Cesa per avermi invitato a partecipare alla versione virtuale di Vitamine Jazz e saluto con affetto tutti gli operatori socio sanitari, gli infermieri e i dottori che in questo periodo difficilissimo sono impegnati in prima linea per contrastare questa tremenda pandemia. A tutti loro va il mio più profondo sentimento di stima. Torneremo a rivederci presto e soprattutto a cantare e suonare insieme, di persona, all’interno dei locali del Sant’Anna. Questa è una promessa”.


Commenti

commenti