Circa 400 le persone presenti alla camminata di Just the Woman I Am promossa da Io X Caselle


La marcia colorata si è svolta nel pomeriggio di ieri, domenica 6 marzo. Un’iniziativa per sostenere la ricerca sul cancro, ma anche per dire no alla guerra in Ucraina.

dalla Redazione

NUMERO DIGITALE SULLASCIA.NET DI FEBBRAIO LEGGI IL GIORNALE SCARICA IL GIORNALE

Un lungo serpentone umano ha colorato nel pomeriggio di ieri la città di Caselle, in occasione della manifestazione in modalità virtual di “Just the Woman I am“, la corsa/camminata di 5km ideata dal CUS Torino e che annualmente, dal 2014, raccoglie fondi per sostenere la ricerca universitaria sul cancro, promuove la prevenzione, i corretti stili di vita, l’inclusione e la parità di genere. Circa 400 le persone, donne, uomini, bambini, che si sono ritrovate in piazza Boschiassi per la partenza, seguendo poi un percorso cittadino scelto da Io X Caselle, l’associazione che ha lanciato l’iniziativa e che ha organizzato la giornata. In strada non solo casellesi, ma anche borgaresi e residenti dei comuni limitrofi.

“Siamo molto contenti e soddisfatti della risposta che abbiamo avuto in termini di adesioni – ha sostenuto Luca Alberigo, di Io X Caselle – promuovendo un pomeriggio di aggregazione con un’importante finalità sociale. Sicuramente sarà un’esperienza da ripetere il prossimo anno e magari renderla ancora più partecipata”. Una camminata che, visto il momento drammatico che il mondo sta vivendo, è stata anche un modo per dire basta alla guerra. Diverse infatti le bandiere della Pace visibili nel corteo e tante le magliette di JTWIA con la scritta NO WAR.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio