Borgaro: un week end di solidarietà per l’Ucraina


Nella mattinata di sabato 5 marzo, il Gruppo locale degli Alpini ha raccolto fondi per la popolazione in fuga, mentre attraverso il dottor Costanzo Bellando sono partiti i primi prodotti per l’infanzia diretti verso Leopoli.

di Giada Rapa

NUMERO DIGITALE SULLASCIA.NET DI FEBBRAIO LEGGI IL GIORNALE SCARICA IL GIORNALE

Continua il conflitto tra Russia e Ucraina: una lotta che sta facendo diverse vittime tra i civili e i militari di entrambe le fazioni, che sta tenendo l’Europa con il fiato sospeso e che, soprattutto, sta causando milioni di rifugiati. E per coloro che sono rimasti, è anche il momento di fare i conti con la scarsità di provviste alimentari e di medicinali. Ma sono proprio questi momenti difficili che fanno emergere l’impegno dei volontari e il senso della solidarietà, non solo a parole, ma con i fatti.

Nella mattinata di sabato 5 marzo il Gruppo Alpini di Borgaro è sceso in piazza, durante il mercato settimanale, per raccogliere fondi con l’iniziativa “Un fiore per l’Ucraina”: a fronte di una donazione, era infatti possibile tornare a casa con un colorato vasetto di variopinti fiori primaverili. Una raccolta che portato un risultato più che positivo, con la raccolta di oltre 700 euro in poche ore.

Nello stesso istante il pediatra Costanzo Bellando, Presidente di NutriAID Italia, ha inviato un primo carico di aiuti: frutto della collaborazione delle Farmacie del territorio e dell’iniziativa lanciata dalla Consulta per le Donne Borgaresi. Tantissimi i pacchi di pannolini, tettarelle, alimenti per neonati e assorbenti che sono stati caricati sul furgoncino di Antonio Bertoni e Ornella Visani, volontari di Brescia. Proprio qui, per l’esattezza a Folzano, l’ucraina Ludmilla è la responsabile di un Centro di Raccolta per inviare aiuti che giungeranno direttamente nella città di Leopoli e da lì si dirameranno nelle piccole realtà territoriali.

Un piccolo gesto, forse, che può fare la differenza per queste persone. Nella speranza, sempre, che questo conflitto si risolva il prima possibile e senza ulteriore spargimento di sangue.


Commenti

commenti