“Verso un’ecologia del web”, il primo libro del casellese Luca Alberigo


L’autore, docente e imprenditore esperto di strategie digitali, vendita e marketing online, ha deciso di raccogliere anni di esperienza al fine di fornire riflessioni e conoscenze per sfruttare al meglio il digital marketing.

di Giada Rapa

Leggi il giornale di marzo in formato digitale LEGGI IL GIORNALE SCARICA IL GIORNALE

Non bastano un’immagine gradevole correla da un post accattivante per utilizzare al meglio le risorse che il digital marketing offre alle imprese. Lo sa bene il casellese Luca Alberigo -esperto di strategie digitali, di vendita e di marketing online– che ha deciso di raccogliere la sua esperienza, iniziata più di 10 anni fa, in un manuale di 136 pagine intitolato “Verso un’ecologia del web – La via italiana al Digital Marketing”. Un libro che si basa su una domanda: come utilizzare il digitale per fare business in maniera sostenibile ed efficace, ottenendo risultati concreti in tempi ragionevoli senza buttare via soldi?

“La pandemia che ci ha colpito più di due anni fa ha portato a un’accelerazione per quanto riguarda la trasformazione digitale soprattutto delle piccole e medie imprese italiane” spiega l’autore. “Il CoVid-19 ha infatti messo in modo una serie di processi che hanno portato a reinventare il modello di business, rendendosi anche reperibili attraverso WhatsApp, implementando così i canali di vendita tradizionali” continua Alberigo, sottolineando che la sua opera ha sicuramente un importante fondo tecnico. “Ma allo stesso tempo è un libro destinato a migliorare i percorsi di digital transformation in quelle realtà che fanno fatica ad adattarsi a questa trasformazione digitale, magari perché i manager provengono da mercati tradizionali”.

L’obiettivo dell’opera è quello di fornire ai decision maker le informazioni tecniche e strategiche essenziali per fare la scelta giusta e intraprendere il percorso più efficace per crescere grazie al digitale, ben facendo comprendere il mercato di riferimento. “Con il mio libro voglio cercare di dare contributo alla diffusione di una cultura digitale che purtroppo in Italia fa fatica ad attecchire” conclude Alberigo.


Commenti

commenti