Raccolta fondi: il Lions Club Caselle Torinese Airport torna in campo con nuovi service


Organizzati per l’11 e il 18 febbraio due laboratori il cui ricavato sarà utilizzato per l’acquisto di materiale sanitario da donare al Reparto di Lungodegenza dell’ospedale di Lanzo.. Nel frattempo, si è anche svolta la visita del Governatore di Distretto, Carlo Ferraris.

di Giada Rapa

Numero digitale di gennaio di Sullascia.net LEGGI IL GIORNALE / SCARICA IL GIORNALE

Aveva promesso un 2023 con il botto, e il Lions Club Caselle Torinese Airport sta mantenendo la promessa. Dopo l’avvio dell’anno con una serata benefica all’insegna del cabaret, il sodalizio ha deciso di proseguire, per il mese di febbraio, con due interessanti laboratori.

 Il primo, “Mettiamoci il Naso”, per un approfondimento sulla storia dell’aromaterapia e sulle proprietà degli oli essenziali, oltre alla possibilità di mettere le mani in crema per realizzare appunto una crema viso grazie all’ausilio di professionisti e personalizzata in base alle esigenze di ciascuno; il secondo service, invece, riguarda la kokedama, ovvero l’antica arte giapponese di coltivare le piante senza vaso.

Il costo di partecipazione è di 20 euro per “Mettiamoci il Naso” -con la lezione fissata per sabato 11 febbraio, che si terrà a partire dalle 14.30 presso il Filatoio Nuovo, in via Filatoio 27– e di 30 euro per il worksphop di kokedama, che si terrà una settimana dopo, sabato 18 febbraio presso la Filmar al medesimo orario. Il ricavato dei service verrà utilizzato per l’acquisto di materiale sanitario per il Reparto di Lungodegenza dell’Ospedale di Lanzo. Per maggiori informazioni e prenotazioni è possibile inviare un messaggio WhatsApp al numero 331/8564030 -per il primo- e 338/4813192 -per il secondo.

Nel frattempo, il Lions Club Caselle Airport ha anche ricevuto la visita del Governatore del Distretto Lions 108 la1 Piemonte e Valle d’Aosta, Carlo Ferraris. Nella medesima serata sono stati spillati due nuovi soci, Luca Alberigo e Luigi Bottione, oltre alla distribuzione di spille di anzianità ad alcuni soci per i loro 5 anni di attività e a Davide Lanzone per i suoi 25 anni all’interno dell’associazione di volontariato.


Commenti

commenti