La Biciclettata d’epoca fa sosta a Cirié


Domani, sabato 7 ottobre, il Comitato Internazionale Bicentenario della Bicicletta fa tappa anche nella città dei D’Oria per presentare le biciclette più particolari.

La bicicletta in legno

Cirié – Nella mattinata di domani, sabato 7 ottobre, durante il tragitto per arrivare al Parco Naturale la Mandria, dove sarà inaugurato un nuovo percorso a libera fruizione da parte del pubblico, con la riapertura del tratto di Viale Roveri che collega Borgo Castello al Ponte Rosso, alcuni appassionati del Comitato Internazionale Bicentenario della Bicicletta faranno tappa a Cirié, alle 11.30, nei giardini di Palazzo D’Oria, dove tutti i curiosi potranno ammirarli, insieme ai loro mezzi, di ingente valore storico, meccanico, umano.

Il Comitato Internazionale, che annovera tra le sue file migliaia di appassionati in tutto il mondo, amanti della bicicletta e dei valori di umanità, intelligenza, capacità artigianale e umiltà che essa rappresenta, porterà anche a Cirié alcuni esemplari di biciclette d’epoca inusuali, imperdibili nella loro particolarità. Basti ricordare un esemplare di bici da camera appartenuto alla Principessa Sissi, o la bicicletta costruita interamente in legno, in ogni sua parte, con materiali provenienti da 80 tipologie di albero, che richiede manutenzione ogni 35 chilometri per sostituire alcuni pezzi usurati.

Per l’occasione, peraltro nei giorni in cui nel 1895 nacque Giovanni Brunero (4 ottobre), presso il Palazzo ciriacese sarà allestita un’esposizione di cimeli storici, e si stanno programmando diverse iniziative. Si rievocheranno particolarità storiche, non senza divertimento: un bel modo per ricordare che la bicicletta, con il lavoro e l’intelligenza artigianale che ne hanno elaborato la meccanica, è stata un precursore degli aerei, “ha preso il volo”, come amano dire i membri del Comitato Internazionale, ricordando in ciò che i fratelli Wright erano prima costruttori di biciclette e poi di aerei. Per approfondimenti: www.wowdraisina200.org

 


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio