Cirié: si ritorna a teatro con la rassegna estiva in area Remmert


Il primo spettacolo è in programma per il 1° luglio, all’aperto e nel pieno rispetto delle nuove norme igienico-sanitarie anti Covid-19.

LELLA COSTA

Piemonte dal Vivo, circuito regionale multidisciplinare che collabora da anni con il Comune di Cirié per l’organizzazione della stagione teatrale, anche per questa stagione estiva mette a disposizione tutti gli strumenti necessari affinché il teatro, la danza e la musica tornino ad allietare i residenti, e non solo, dopo mesi difficili di emergenza sanitaria.

Si parte il 1° luglio alle ore 21 con “Il meglio del nostro peggio” la nuova sfida della Bandakadabra: swing, colonne sonore di film, echi di canzone d’autore e tributi pop, compongono il frastagliato mosaico musicale che si intreccia alle gag degli artisti. Alessia Olivetti prosegue il 19 luglio con “Tredici Rose” uno spettacolo con musica dal vivo, che adoperando i toni onirici e poetici del realismo magico racconta la storia di alcune giovani attiviste nella Spagna del generale Franco. Il 28 luglio va in scena “Mbira” un progetto di Roberto Castello che vede in scena due danzatrici, due musicisti e un regista per provare a fare un punto sul rapporto fra la nostra cultura e quella africana attraverso musica, danza e parola. Il 3 settembre, Lella Costa sale sul palco con un testo scritto da Franca Valeri, “La vedova Socrate”: un concentrato di ironia corrosiva e analisi sociale, rivendicazione disincantata e narrazione caustica liberamente ispirati a “La morte di Socrate” di Dürrenmatt.  Gli appuntamenti estivi si concludono l’8 settembre con Paolo Faroni che in scena porta “Con le tue labbra senza dirlo”: un sé che ripercorre le proprie ossessioni e su tutte, l’immagine di una donna rincorsa per decenni.

“Siamo veramente lieti di poter ripartire con la nostra stagione teatrale – dichiara la Sindaca di Cirié Loredana Devietti – nonostante le limitazioni e le restrizioni previste dal periodo. Dopo i mesi passati, dopo la forzata assenza di manifestazioni e di eventi in città, la ripresa del calendario teatrale è proprio ciò che ci voleva per iniziare con serenità e con un netto cambio di marcia la nostra bella estate ciriacese. Daremo la possibilità a chi è in possesso di abbonamento e di biglietti già acquistati di recuperare gli appuntamenti che abbiamo dovuto posticipare:  alcuni spettacoli sono stati sostituiti perché non realizzabili con le regole attuali, ma questo è avvenuto optando per  performance di richiamo, e di grande qualità. Ringrazio la Fondazione Piemonte dal Vivo che con elasticità e disponibilità ha saputo variare il programma”.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio