Cirié: grazie alla raccolta fondi di Devesi, donato un nuovo defibrillatore


Sempre più città cardio protetta, il dispositivo, installato a fianco della chiesa di Rossignoli, va ad integrare la rete dei dispositivi salvavita installati sul territorio. Dopo la pausa estiva, i militi della Croce Verde Torino promuoveranno dei corsi di formazione rivolti alla cittadinanza per un corretto uso di questi macchinari.

dalla Redazione

Numero di luglio di SullaScia.net LEGGI IL GIORNALE / SCARICA IL GIORNALE

Pochi giorni fa, presso la piazzetta di Località Rossignoli, i rappresentanti della Pro Loco di Devesi “Dveisin Festareul” e del Comitato Pich ‘n Moviment  hanno consegnato all’amministrazione comunale, rappresentata dalla Sindaca, Loredana Devietti, e dall’assessore Andrea Sala, un nuovo defibrillatore che va ad integrare la rete dei dispositivi salvavita installati sul territorio. Presenti anche i consiglieri comunali Davide D’Agostino e Marta Vittone, sostenitori dell’iniziativa. I fondi per l’acquisto dell’apparecchio derivano dalla donazione delle quote di iscrizione dell’annuale gara di bocce di Località Pich, alle quali si è aggiunto quanto raccolto  in occasione dell’ultima Festa di San Pietro e presso gli esercizi commerciali della frazione.

Il nuovo dispositivo, collocato nell’apposita postazione allestita dal Comune a fianco della chiesa di Rossignoli,  va a costituire un ulteriore tassello dell’iniziativa “Città Cardioprotetta” avviata dall’amministrazione in collaborazione con la locale sezione della Croce Verde Torino che, per una capillare informazione sulle manovre salvavita e sull’uso dei defibrillatori prevede, compatibilmente con le misure di prevenzione relative all’epidemia da covid-19, l’effettuazione dopo la pausa estiva di specifici corsi di formazione, rivolti ai cittadini.

“Le attività promosse dalle associazioni devesine dimostrano dinamismo  e voglia di fare – ha sostenuto la Sindaca Loredana Devietti – e il loro costante impegno nel creare aggregazione, nel fare squadra, trova perfetta espressione in questa bellissima iniziativa, per la quale li ringrazio di cuore. Un bel modo di coniugare il clima festoso di una gara di bocce o della festa patronale con lo spirito di solidarietà sociale. Ringrazio anche la Croce Verde di Cirié per i corsi rivolti a formare gli utilizzatori: solo con una conoscenza diffusa di questi dispositivi si potranno concretizzare al meglio gli obiettivi di cardioprotezione che, tutti insieme, stiamo perseguendo.”


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio