Attività commerciali a Cirié: un bilancio complessivamente stabile per il 2023


Il report dei Servizi alle Imprese del comune sull’andamento delle attività commerciali riferiti all’anno appena trascorso registra una complessiva tenuta del settore.

dalla Redazione

Il tessuto commerciale ciriacese, nonostante il periodo caratterizzato da prudenza e da una generale
contrazione, a livello nazionale, della spesa da parte dei consumatori, conferma la sua stabilità e la sua
attrattività, insieme alla capacità di traino per l’indotto turistico di zona. Per ciò che riguarda gli esercizi di vicinato e le medie e grandi strutture di venduta, sono stati registrati 24 nuovi inizi attività, a fronte di 28 cessazioni e di 15 subingressi. Numeri che portano il totale, aggiornato al 31 gennaio 2024, a 440 attività, a fronte delle 444 esistenti al 31 dicembre 2022.

In positivo gli esercizi pubblici (termine con cui si indicano generalmente bar, ristornati e attività dedite alla ristorazione in genere): 95 i locali esistenti al 31 dicembre 2023 – suddivisi in 3 inizi attività, una cessazione e 7 subingressi – a fronte dei 93 registrati al 31 dicembre 2022. Vedono il segno “più” anche le attività di acconciatura, estetica, tatuaggi: al 31 dicembre 2023 erano 77 quelle esistenti in città – 8 nuovi inizi, 6 cessazioni, 3 subingressi – e quindi superiori alle 75 registrate nello stesso periodo dello scorso anno.

Sebbene l’andamento delle attività sia indubbiamente condizionato dal contesto generale caratterizzato da incertezze internazionali e da preoccupazioni economiche e sociali, il report dei Servizi alle Imprese del comune rileva una buona tenuta del commercio cittadino, che resiste positivamente alla concorrenza delle vendite on line grazie anche alla qualità e alla professionalità degli operatori. Cirié insomma conferma la sua centralità, rimanendo salda sulla sua capacità di attrarre visitatori e investitori
anche dal territorio circostante, e questo grazie anche alle molte iniziative e le manifestazioni realizzate
durante tutto l’anno. Senza dimenticare in questo contesto le attività di promozione portate avanti dal Distretto Diffuso del Ciriacese, dal bando che ha permesso a tante aziende dell’Unione dei Comuni del Ciriacese e Basso Canavese di migliorare la propria vetrina, l’insegna e la dotazione digitale alle iniziative di marketing territoriale come creazione e distribuzione di gadget, vetrofanie, brochure.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio