Ciclismo: Ciriè si candida ad ospitare la partenza del Gran Piemonte 2024


La Storica gara organizzata da RCS Sport avrà il suo star il prossimo 10 ottobre. Nelle prossime settimane si saprà se il nostro territorio, dopo la partenza della seconda tappa del Giro d’Italia da San Francesco al Campo, il 5 maggio, ospiterà un altro grande evento dedicato alle due ruote.

dalla Redazione

NUMERO DI MARZO IN FORMATO DIGITALE LEGGI IL GIORNALE / SCARICA IL GIORNALE

La Città di Cirié è ufficialmente candidata a diventare punto di partenza della gara ciclistica Gran Piemonte 2024, una delle competizioni più note del ciclismo maschile su strada italiano e internazionale, in grado di attrarre atleti, team e appassionati da tutta Italia e non solo. La notizia è stata data durante la conferenza stampa svoltasi a Palazzo D’Oria mercoledì 27 marzo alla presenza dell’assessore regionale allo Sport Fabrizio Ricca, dei rappresentanti di RCS Sport, della sindaca Loredana Devietti e del vicepresidente regionale Federazione Ciclismo Pierfranco Gugliermetti. La competizione prenderà il via giovedì 10 ottobre e si snoderà nella nostra regione fino all’arrivo, da confermare, a Nizza Monferrato.

Il Gran Piemonte dal 2020 è incluso nel calendario UCI ProSeries e insieme alla Milano-Torino e al Giro di
Lombardia
fa parte del Trittico d’autunno organizzato da RCS Sport, svolgendosi solitamente tre giorni prima della gara lombarda. “Abbiamo ricevuto da Cirié e Nizza Monferrato la disponibilità a ospitare l’edizione 2024 del Gran Piemonte e siamo assolutamente favorevoli a sostenere questa ipotesi – afferma l’assessore regionale Ricca -. Abbiamo già inoltrato la richiesta a RCS, candidandole ufficialmente. Penso sia un’azione dovuta per due città da sempre in prima fila nello sport delle due ruote“.

“Abbiamo dato con entusiasmo – commenta la sindaca di Cirié Loredana Devietti – la disponibilità a far partire proprio dalla nostra città il Gran Piemonte. Il 2024 sarà un anno decisamente da incorniciare per la nostra città, e per tutto il territorio, con cui abbiano lavorato da sempre in sinergia, in particolate con i comuni di San Francesco al Campo, San Maurizio Canavese e San Carlo Canavese, che fanno parte della nostra Unione: dopo il passaggio del Giro d’Italia in primavera quindi, se Rcs si esprimerà in senso positivo, ad ottobre Ciriè ospiterà una delle gare che hanno segnato la storia del ciclismo italiano e che tutt’ora fanno parte di quel calendario di appuntamenti internazionali imperdibili per tanti atleti e squadre provenienti da tutto il mondo”.






Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio