San Maurizio Canavese: apre il cantiere per i lavori di adeguamento della primaria Fratelli Pagliero


L’intervento costerà circa un milione di euro, di cui 945mila stanziati dalla Regione Piemonte. L’edificio sarà pronto per l’inizio del nuovo anno scolastico.

dalla Redazione

SULLASCIA.NET DI APRILE IN FORMATO PDF LEGGI IL GIORNALE / SCARICA IL GIORNALE

Continuano gli interventi di miglioramento e adeguamento antisismico degli edifici scolastici di San Maurizio Canavese. Dopo l’intervento alla media Andrea Remmert, intrapreso lo scorso anno e giunto ormai alla fase conclusiva, si passa ora alla primaria Fratelli Pagliero. Un intervento per rendere ancora più sicuro il plesso di via Madonna della Neve, una struttura ancora in eccellenti condizioni
statiche e funzionali
, ma non in linea con le ultime norme antisismiche. Lavori realizzabili anche grazie al contributo di 945mila euro assegnati dalla Regione Piemonte.

L’adeguamento sarà svolto durante le vacanze scolastiche estive, per non interferire con l’attività didattica. Tuttavia, proprio per la complessità dell’opera e per l’assoluta necessità di disporre della scuola pronta e perfettamente agibile per la ripresa delle lezioni a settembre, il cantiere sarà allestito già nei prossimi giorni nell’area esterna e non recherà alcun disturbo all’attività quotidiana della scuola.

“È importante precisare – assicura Franco Picat Re, consigliere comunale con delega all’Edilizia Scolastica – che i lavori non solo non recheranno alcun disturbo all’attività didattica ma, soprattutto, non metteranno assolutamente a rischio la staticità dell’edificio durante il loro svolgimento. Dopo l’intervento sulla scuola media Andrea Remmert, che ha comportato un investimento di 755mila euro, i lavori alla Fratelli Pagliero, con una spesa che sfiora il milione di euro, costituiscono un nuovo importantissimo tassello nel piano generale di valorizzazione degli edifici scolastici del Comune, per renderli sempre più sicuri, accoglienti e funzionali alla crescita dei nostri bambini e ragazzi”.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio