Festa del commercio locale: un assaggio di come insieme si può Vivere Mappano


Barbara Damiano, Presidentessa dell’associazione commercianti mappanesi, fa un breve bilancio sull’evento che si è svolto domenica scorsa.

di G. R.

Barbara Damiano

Barbara Damiano

Mappano – Domenica 17 luglio la Festa del Commercio, inserita all’interno delle celebrazioni della Festa patronale, ha visto la storica “pedonalizzazione” per un giorno della strada provinciale: tantissime persone hanno riempito strade e piazze, in un clima di partecipazione e di appartenenza. C’è grande soddisfazione per l’associazione commercianti Viviamo Mappano, che in pochissimo tempo, circa un anno e mezzo, ha saputo riportare la giusta attenzione al commercio locale e consolidare un rapporto cordiale con i mappanesi e con le amministrazioni comunali.

“Durante la giornata abbiamo avuto modo di parlare anche con i mercatali e gli espositori, per raccogliere le loro impressioni, incoraggianti e positive. Ci aspettiamo che, grazie a questo primo piccolo successo e ai tanti consigli ricevuti, l’anno prossimo il numero dei banchi possa raddoppiare!” commenta Barbara Damiano, Presidentessa dell’associazione, che non manca di ringraziare le associazioni presenti: Croce Rossa di Mappano, Protezione Civile e Comitato dei Servizi, Progetto OASI, Pro Loco e associazione Sollievo, senza dimenticare i tanti volontari che hanno aiutato ad allestire la manifestazione e a risistemare una volta terminata.

“La sfida non è finita – aggiunge Damiano – e questo era solo il primo banco di prova: bisogna ancora valorizzare tutti i punti della manifestazione, soprattutto nell’area di Borgaro, per offrire una maggiore continuità di espositori e attrazioni. Una cosa è certa: domenica abbiamo visto un primo assaggio di come, tutti insieme, possiamo Vivere Mappano. Ora non ci resta che raccogliere i suggerimenti e gli incoraggiamenti ricevuti e continuare a migliorarci”.

Chi volesse offrire idee e supporto può inviare una mail all’indirizzo info@mappano.it


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio