25FebFoundtrow: il 25 febbraio a Torino giornata di raccolta fondi per Gli Amici del Fiume


Per l’intera giornata si svolgeranno in corso Moncalieri 18 diverse attività sportive con la finalità di raccogliere soldi da destinare all’associazione vittima a fine 2016 di un incendio doloso al suo parco barche.

Torino – Nella notte tra il 29 e il 30 dicembre scorso, un incendio doloso ha distrutto gran parte delle imbarcazioni dedicate al canottaggio del Circolo Amici del Fiume. Per questo motivo l’associazione sportiva, in collaborazione con la Città di Torino e la Circoscrizione 8, organizza sabato 25 febbraio “25FEBFUNDTOROW”: una giornata di sport e divertimento dedicata alla raccolta fondi per contribuire alla ricostruzione del parco barche distrutto dalle fiamme. Durante la giornata, che si svolgerà interamente nell’area di corso Moncalieri 18, sono previste diverse attività sportive e d’intrattenimento che si svolgeranno dal mattino fino a tarda notte. La giornata inizierà alle 10.30 con una corsa podistica non competitiva sul lungo Po, a cui si può partecipare con una donazione di 15 euro. A seguire, alle ore 12.30, un pranzo a base di polenta sarà servito nella sede del Circolo.

Per chi è appassionato di retrò, alle 14 si svolgerà un doppio giallo di tennis vintage, a cui si può partecipare con una donazione di 20 euro. Dalle 15 ci si potrà cimentare in un’emozionante sfida al remo ergometro, provare lo slacklining e il long board supervisionati dagli atleti del circolo e dai team di “Torino sul filo” e Longboard Crew. Dalle 16 spettacolare camminata su un filo, dal Circolo fino ai Murazzi. Seguiranno i corsi di ballo latino-americano con Salsa Casino e di Lindy Hop con Dusty Jazz. Alle 18 l’attore Saulo Lucci si esibirà in uno spettacolo tratto dal XXVI Canto dell’Inferno di Dante e dalle 19 apericena musicale col quartetto d’archi del Conservatorio. Si continuerà a ritmo di musica con Pierangelo Iozzia e QRS, Flaminia Gallo, i Salvario e L.A. Woods, fino al Dj set conclusivo che inizierà dopo la mezzanotte.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio