LA MOSTRA – Lady D alla Reggia di Venaria


Il 31 agosto 1997 moriva in un tragico incidente Diana Spencer, lasciando l’opinione pubblica sgomenta e generando un vuoto mai colmato nei cuori delle persone. L’esposizione durerà fino a gennaio 2018.

Sono trascorsi oramai vent’anni dalla morte della principessa, e da ieri, sabato 8 luglio, Kornice intende celebrare questa icona mondiale con un’esposizione che rappresenta un tuffo nella storia che ci appartiene: Diana è infatti diventata un mito di femminilità e di forza, racchiudendo in sé paradossi e sfaccettature di ogni donna. Uno speciale spazio architettonico – le Sale dei Paggi della Reggia di Venaria, per la prima volta sede di una mostra – è dedicato a rendere omaggio alle diverse anime di Lady Diana grazie alla presentazione evocativa ed emozionale di racconti, immagini, riferimenti a giornali o ad avvenimenti e testimonianze che coinvolgono il visitatore in un’esperienza a tutto tondo.

LA MOSTRA – Un percorso intimo, che sarà aperto al pubblico fino al 28 gennaio 2018, composto di oltre 100 immagini in grado di raccontare la vita della principessa Spencer, la principessa del popolo, come venne chiamata dai media non solo inglesi. L’evento, ideato da Kornice e curato da Giulia Zandonaldi, giovane scrittrice, critica letteraria e storica dell’arte, vuole rendere omaggio a Lady D partendo dalla fine, dal ricordo della sua morte. Seguono i momenti cruciali della sua vita, dalla sua infanzia, immortalata in bianco e nero con la sua famiglia, all’adolescenza, fino al suo diventare giovane donna e presto fidanzata e poi moglie del principe Carlo. Tutti momenti seguiti da migliaia di persone alla televisione. Una sorta di favola che si avvera, i cui dettagli, un vestito, un cappello tirato via dal vento, una mossa diversa, uno sguardo più felice del solito, un ballo, diventano momenti di tutti.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio