Campo Rom dell’Aeroporto, abbi pietà di noi


Martedì 4 aprile si terrà un incontro a Borgaro per parlare di sicurezza e di salute pubblica in riferimento all’area nomadi situata a ridosso della sponda nord dello Stura. Anche Torino ha le sue terre che bruciano.

di G. D’A.

Borgaro/Torino – Roghi tossici, rischio ambientale e pericolo per la salute dei cittadini. Da tempo ormai la discussione sui campi nomadi torinesi si è finalmente spostata su questo fondamentale aspetto, tanto che anche la Procura ha dovuto prenderne atto. Dopo le precarie e pericolose situazioni di vivibilità riscontrate dall’Arpa in via Germagnano, in tanti sono sicuri che la stessa cosa avverrà per l’area sosta di strada dell’Aeroporto. I continui fumi neri, minacciosi e puzzolenti, che si alzano dall’accampamento situato tra le periferie di Torino, Borgaro e Venaria, sono un fenomeno che si ripete da anni, frutto di incendi per bruciare rifiuti di ogni genere. Legambiente Metropolitano da anni chiede che anche su quella zona l’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale faccia dei campionamenti sui terreni e renda pubblici i risultati (cosa che pare stia avvenendo), esattamente come si è proceduto in via Germagnano. E con la conseguente ordinanza del giudice di  sgombero immediato del posto per rischio ambientale. Anche Torino ha le sue terre che bruciano e parafrasando una canzone di Enzo Avitabile, colonna sonora del film “Indivisibili“, scritta per porre l’attenzione sugli scempi ecologici della campagna napoletana, anche noi diciamo “campo nomadi dell’Aeroporto abbi pietà di noi“.

L’INCONTRO PUBBLICO – Anche e soprattutto di questo si parlerà nella serata di martedì 4 aprile a Borgaro durante un incontro promosso alle ore 21 in sala consiliare dal Movimento 5 Stelle locale. Oltre ai grillini di Torino e Borgaro parteciperanno al dibattito i rappresentanti dei diversi comitati di cittadini nati per la difesa della sicurezza e e la salvaguardia della salute pubblica. Nello specifico, all’incontro interverrà Alberto Unia, capogruppo 5 Stelle in Sala Rossa, le consigliere comunali del capoluogo Deborah Montalbano e Valentina Sganga, il Vicesindaco della Città Metropolitana Marco Marocco, e i padroni di casa Cinzia Tortola e Alessandro Carozza, consiglieri al Comune di Borgaro. Attesa anche una delegazione grillina della Circoscrizione 5. Invitati al dibattito anche il Sindaco di Borgaro e i membri della maggioranza e l’Aizo, l’associazione italiana Zingari Oggi, che molte attività svolge nell’accampamento. Ha annunciato la sua presenza anche il consigliere regionale di Fratelli d’Italia Maurizio Marrone.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio