Borgaro: piazza della Repubblica piena per l’accensione dell’Albero di Natale


Complice anche la bella giornata di sole, domenica 8 dicembre tanta gente ha assistito allo spettacolo musicale pomeridiano. Si replica domenica 15 con il Villaggio di Babbo Natale. Da piazza Agorà, però, i commercianti si lamentano con il Comune per la totale assenza di iniziative nella loro zona.

dalla Redazione

Bagno di folla in piazza della Repubblica per l’apertura dei festeggiamenti natalizi nella città di Borgaro. Domenica 8 dicembre, infatti, si è svolto il primo dei tre appuntamenti che si svolgeranno in strada per animare in allegria e divertimento il periodo di festa che precede il Natale. Domenica 15, sempre in piazza della Repubblica, sarà montato per l’intera giornata un piccolo Villaggio di Babbo Natale, mentre il 22 dicembre si svolgerà il Mercatino di Natale in via Ciriè e via Lussemburgo.

Entusiasta del buon riscontro di pubblico, l’assessore alla Cultura Eugenio Bertuol. “Un ottimo risultato, raggiunto grazie alla collaborazione tra istituzioni e associazioni. Un ringraziamento speciale va alle scuole, alle insegnanti e alla Dirigente che si sono messe a disposizione per coinvolgere i bambini delle classi per il canto corale, ma anche alle associazioni che hanno dato il loro prezioso contributo. Grazie, quindi, alla Pro Loco, ai Bersaglieri e agli Alpini per la cioccolata calda, il panettone, le caldarroste e il vin brulè distribuito gratuitamente durante la festa, e grazie all’associazione Sollievo, il CDM e il coro della Banca del Tempo che hanno contribuito ad animare musicalmente in maniera proficua la piazza.

Tutto bene quindi? Non del tutto. Davide Pappalardo del Bar Jimmi Agorà, nei giorni scorsi si è fatto portavoce del malessere che serpeggia tra gli esercenti del centro di via Gramsci, secondo lui vero cuore commerciale di Borgaro. “Ormai è diventata la regola – ha sottolineato Pappalardo – che tutte le feste vengano svolte in piazza della Repubblica, lasciando a secco l’Agorà. Su tre domeniche di festeggiamenti, almeno una poteva essere svolta qui da noi. Non si capisce perché il Comune continua ad ignorarci e a trattare i negozianti come figli e figliastri”.

A rispondere a Pappalardo ci pensa Bertuol. “Inizialmente, il Villaggio di Natale del 15 dicembre era programmato in piazza Agorà, accompagnato dal mercatino dell’associazione commercianti di Borgaro. Poi, però, il mercatino è saltato per ragioni organizzative, così in qualità di assessore alla Cultura ho deciso di spostare l’evento in una posizione più centrale della cittadina. Sono sicuro – ha concluso l’assessore – che in futuro ci saranno tante altre occasioni per rendere l’Agorà protagonista“.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio