Borgaro: scambio di auguri tra le associazioni locali


Quest’anno si è rinnovato l’incontro tra Pro Loco, associazioni locali e amministrazione comunale per un conviviale scambio di auguri per le imminenti festività natalizie. Nella speranza di tornare alla normalità il prima possibile.

di Giada Rapa

NUMERO DI DICEMBRE DI SULLASCIA.NET LEGGI IL GIORNALE / SCARICA IL GIORNALE

Dopo un 2020 segnato dalla zona rossa, contraddistinto dall’impossibilità di incontrarsi e la necessità di evitare assembramenti, la Pro Loco di Borgaro è tornata a organizzare un appuntamento iniziato nel 2015 e che ormai aveva acquisito il sapore di una bella tradizione natalizia.

Stiamo parlando dell’incontro -ormai consolidato, nonostante lo stop forzato dello scorso anno causato dall’emergenza sanitaria- che riunisce i rappresentanti delle associazioni locali e l’amministrazione comunale e che in questa occasione ha anche visto la presenza dei parroci borgaresi. Un momento conviviale, per scambiarsi gli auguri in vista delle imminenti festività natalizie, ma anche per creare un’occasione di incontro dopo questi quasi due anni segnati dalla pandemia. Anni che hanno messo a dura prova il mondo dell’associazionismo, che nonostante l’allentamento delle restrizioni continua comunque a vivere momenti di forte difficoltà. Da qui la necessità, che già era stata più volte sottolineata anche nel corso degli anni precedenti, di collaborare, perché uniti si è più forti che da soli. “La Pro Loco, con il supporto costante dell’amministrazione, è pronta a fare la sua parte per aiutare le altre realtà del territorio che si trovano in difficoltà. Soprattutto in questo momento in cui organizzare eventi è particolarmente complicato” ha commentato il Presidente del sodalizio, Tommaso Villani, ringraziando anche coloro che, costantemente, tolgono tempo alle famiglie per organizzare occasioni di incontro e di divertimento per i propri concittadini. Nella speranza che il nuovo anno possa portare finalmente a un graduale ritorno alla normalità, anche se la strada è sicuramente ancora in salita.


Commenti

commenti