Carlo Barba è il casellese dell’Anno 2016


Il 78enne è stato selezionato da una apposita giuria per il suo impegno politico e nel volontariato cittadino. “Altri meritavo l’onorificenza più di me”.

di Cristiano Cravero

2Caselle – Il casellese dell’Anno 2016 è Carlo Barba, 78 anni, ex Vicesindaco della città negli anni 80.. La sedicesima edizione del prestigioso premio è andata in scena  domenica 20 novembre, nella sede  della Pro Loco, in via Basilio Bona 29. L’organizzazione, come sempre, è stata a cura dalla stessa associazione turistica, guidata da Giampiero Barra, che commosso commenta: “Barba è stato appositamente scelto da una giuria riunita per l’occasione. I voti hanno indicato il suo nominativo perché è stato una persona impegnata in Municipio e in varie associazioni locali”. Quindi è stata data la parola al protagonista delle cerimonia. “Per me si tratta di una sorpresa – ha dichiarato umilmente Barba – perché ben altri si meritavano l’onorificenza”.

CHI E’ CARLO BARBA – Inizia a lavorare giovanissimo allo stabilimento Covra di Santhià, azienda di proprietà dell’imprenditore Cornelio Valetto. Qui percorre tutta la sua carriera lavorativa, fino a ricoprire la mansione di rappresentante di materie plastiche. Negli anni ’70, insieme all’amico Giovanni Aghemo, apprendono le difficoltà di coloro che necessitano della dialisi e devono recarsi, ogni giorno, negli ospedali torinesi. Racconta Barba: “Al fine di offrire ai dializzati un luogo più vicino abbiamo cominciato a svolgere diverse raccolte fondi. Dapprima a Caselle e, successivamente, nei paesi del circondario, anche tramite l’organizzazione di spettacoli.  Ad aprire un centro dialisi all’ospedale di Ciriè ci ha aiutato il dottor San Cipriano. Per me è un grande punto d’orgoglio“. Negli anni ’80, Barba ricopre il ruolo di consigliere comunale e, per un anno, anche quello di Vicesindaco. Per decenni è membro attivo della Caritas parrocchiale, in particolare nella raccolta viveri e nel centro d’ascolto. Tutt’ora è iscritto alla Pro Loco e all’Aido”.

 

 


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio