Caselle: variazioni al Piano Regolatore per mettere il territorio in “equilibrio”


Dovute soprattutto a nuovi regolamenti normativi e alla cessione di una parte di territorio al Comune di Mappano, le misure sono state spiegate nel dettaglio e approfondite dai professionisti esterni che vi hanno lavorato.

di Giada Rapa

Leggi e/o scarica il nuovo numero digitale di SullaScai.net LEGGI IL GIORNALE / SCARICA IL GIORNALE

Convocato il 25 novembre, Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza contro le Donne, il Consiglio Comunale di Caselle non poteva che aprirsi proprio con questa tematica e con il breve video What Were You Wearing? -Come eri vestita?- per riflettere e ricordare che qualunque tipo di abbigliamento non autorizza la violenza.

Punto principale dell’assemblea è sicuramente stato l’approvazione delle variazioni effettuate al Piano Regolatore -tema particolarmente approfondito dalla Conferenza dei Capigruppo– che durante l’assise è stato spiegato nel dettaglio dai professionisti: l’ingegnere Giorgio Sandrone di SMAProgetti e l’ingegnere Giuseppe Biolatti di GEOStudio. Un piano che -come spiegato dal consigliere Pier Paolo Valle– si è basato sulla proposta di riequilibrare il territorio in seguito alla cessione, oltre 4 anni fa, di una parte di esso al Comune di Mappano, affrontando anche temi di riordino e di sviluppo anche di carattere normativo, come l’aggiornamento delle situazioni di rischio, sia idrogeologico, sia sismico. “Accompagneremo questo iter fino a un certo punto, poi passeremo la palla alla prossima amministrazione. È un impegno che ci eravamo assunti e ora abbiamo dato l’avvio a questa variante generale importante, che non va a snaturare il nostro Piano Regolatore” ha ricordato il Sindaco Baracco. “Spero che ognuno di noi lavorerà in questa direzione. Il lavoro non è finito, ma inizia questa sera”.

In precedenza, nella mezz’ora dedicata al pubblico e successivamente anche nelle interrogazioni promosse dai consiglieri di opposizione Andrea Fontana e Roberto Giampietro, si è affrontato l’argomento delle Case CIT. O meglio del procedimento dell’iter a seguito della votazione -a larga maggioranza- di ristrutturare gli immobili. “Al momento siamo in attesa di una risposta formale” ha spiegato il Sindaco Luca Baracco, rassicurando anche che l’amministrazione seguirà con attenzione i diversi interventi. Interrogazioni anche sulle Aree ATA -con l’intenzione del privato di proseguire l’intervento- il problema del trasporto pubblico e l’arrivo di nuove risorse nell’organico dei dipendenti comunali.

Sono state quindi approvate le Modifiche al Regolamento Comunale -eliminando, per esempio, i riferimenti relativi alla ex frazione di Mappano– e quelle relative alla TARI -anche per l’installazione di due cassonetti per il recupero di bottiglie PET, che permettono uno sconto in bolletta. E poi ancora la variazione al Bilancio di Previsione 2020-2023, l’aggiornamento -o meglio, la conferma- degli oneri di urbanizzazione e la reiterazione quinquennale dei vincoli riguardanti le aree a servizi pubblici. Inoltre, come già accaduto per i comuni di Borgaro e Mappano, anche Caselle ha dato delega al CIS per la gestione, in via sperimentale, del servizio di emergenza abitativa.


Commenti

commenti