Caselle: l’Istituto Comprensivo si conferma “amico dei bambini, delle bambine e degli adolescenti”


I diversi plessi sono stati insigniti del riconoscimento da parte del Presidente del Comitato Provinciale UNICEF Antonio Sgroi in occasione della Giornata Internazionale della Convenzione dei Diritti dell’Infanzia.

dalla Redazione

Numero di novembre di SullaScia.net LEGGI IL GIORNALE / SCARICA IL GIORNALE

Come è già avvenuto negli anni passati, anche in questo 2023 l’Istituto Comprensivo di Caselle ha ottenuto il riconoscimento di “Scuola amica dei bambini, delle bambine e degli adolescenti” da parte dell’UNICEF.

A consegnare gli attestati di riconoscimento, alla presenza della Dirigente Scolastica Giuseppa Muscato, della Referente del Progetto Mariella Doronzo e delle altre docenti coinvolte, è stato il Presidente del Comitato Provinciale UNICEF di Torino, Antonio Sgroi, nel pomeriggio di lunedì 20 novembre. Una data scelta non a caso, dal momento che proprio in tale occasione ricorreva la Giornata Internazionale della Convenzione dei Diritti dell’Infanzia.

Infanzia che, come purtroppo dimostrano i fatti di cronaca, in molte parti del mondo viene negata, dove nonostante i divieti delle convenzioni internazionali – come ricordato dallo stesso Sgroi – non si esitano a bombardare ospedali e scuole. “In un momento come quello che stiamo vivendo, il ruolo della scuola per la crescita di cittadini attivi e consapevoli e per la promozione della cultura della Pace, risulta come non mai fondamentale. Siamo onorati del fatto che il nostro Istituto Comprensivo riceva questi attestati dal Ministero dell’Istruzione e del Merito e dall’UNICEF Italia. Dietro questo riconoscimento vi è il lavoro di una grande squadra fatta di alunni, insegnanti e istituzioni del territorio” ha commentato la Dirigente, sottolineando anche l’importanza dell’alleanza educativa tra scuola e famiglie.

Durante la cerimonia è anche stato presentato il “Gioco dell’Oca dei Diritti” realizzato nel 2021: uno modo divertente e alternativo per permettere ai partecipanti di conoscere, discutere e approfondire i diritti legati all’infanzia.


Commenti

commenti