Ciriè: le iniziative in programma in città per dire no alla violenza sulle donne


Diversi gli appuntamenti in calendario promossi dal Comune e dalle associazioni cittadine, tra teatro, mostre, musica, letture, dibattiti e flash mob. 
di Francesca Di Feo
violenza-donne-1Cirié – In occasione del 25 novembre – Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne – associazioni ed amministrazione comunale hanno organizzato diverse iniziative per sensibilizzare le persone su questo tema, attuale più che mai.  Oggi, mercoledì 23 novembre il teatro Magnetti (via delle Spine 73) ospiterà Malanova, uno spettacolo tratto dall’omonimo libro di Cristina Zagaria e Anna Maria Scarfò, prodotto da Sciara Progetti Teatro e Teatro Verdi di Fiorenzuola d’Arda. Sarà possibile assistere alla rappresentazione alle 9 ed alla replica alle 11.  Il Laboratorio della Maglia, un collettivo giovanile del Ciriacese e Valli di Lanzo, ha invece organizzato una tre giorni tutta dedicata all’argomento. Il 24 novembre alle 21, serata di informazione alla Taurus Factory (via D’Oria 20) su temi come la violenza, i diritti, l’aborto, il ciclo mestruale, la genitorialità e il Fertility Day e i centri antiviolenza, accompagnati dalla voce e dalla chitarra di Andrea Bruno e dalle poesie di Giulia Sopegno. Ci sarà inoltre una mostra fotografica ed un banchetto informativo dell’associazione La Rete delle Donne di San Maurizio.
Il 25 di novembre, dalle 15 alle 17,l’evento si sposterà alla Società Operaia (via Matteotti 18), con la lettura di testimonianze e poesie e l’esposizione di sagome Voci nel Silenzio. Continueranno i banchetti informativi e la mostra fotografica. Serata conclusiva il 27 di novembre alle 21 presso il Circolo Arci La Soce (via Matteotti 16) con cineforum e dibattito. Coinvolgente e toccante anche l’idea del flash mob in piazza San Giovanni il 25 novembre alle 11.30, organizzato da Amnesty International in collaborazione con l’IIS Tommaso D’Oria. Contemporaneamente al flash mob, al D’Oria saranno esibiti i vari materiali realizzati dai ragazzi.

Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio