Cirié: tra entusiasti e perplessi il Villaggio di Natale divide la città, chi ha ragione?


I giudizi dei commercianti sono discordanti, come anche quelli di diversi cittadini. Uno spazio per fare atmosfera, ma poco redditizio, a loro detta, per i gestori delle bancarelle.

di Francesca Di Feo

CIRIE’ – La polemica si infiamma sui social riguardo al Villaggio di Natale in piazza D’Oria. Dall’inizio di dicembre la città è stata ricca di iniziative per il Natale, ma ora, a pochi giorni dal 25 dicembre, si tirano le somme. C’erano già state scintille, in particolare all’apertura del Villaggio, definito “soffocante” e “un’accozzaglia” da alcuni cittadini, ma la presa di posizione era scemata brevemente, lasciando spazio alla meraviglia per una Ciriè tutta addobbata per le feste. Ad oggi, però, il bilancio divide: alcuni commercianti sono soddisfatti dell’iniziativa, altri l’hanno definita un fiasco. Alcuni cittadini sono stati trascinati dal respiro natalizio del Villaggio di Natale, altri sono rimasti perplessi, specialmente per il posto scelto, un po’ sacrificato per l’afflusso di gente che un evento del genere poteva portare.

Ma il dubbio sta proprio qui: tutta questa gente, c’era? Ed ha effettivamente acquistato? Anche in questo caso i pareri sono discordanti. L’unica cosa che sembra certa, a sentire i gestori dei vari spazi e i negozianti, in molti hanno scelto di acquistare i regali nei grandi centri commerciali, forse perché’ più comodo, ed al mercatino hanno preferito solo farsi una passeggiata per entrare nell’atmosfera. C’’e’ anche da dire che forse l’artigianato costa di più, ma sicuramente assume un altro valore.

Tutte cose da tenere in considerazione per il prossimo anno.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio