San Maurizio Canavese: spente 140 candeline per il corpo dei Vigili del Fuoco


L’evento ha richiamato un folto pubblico. Spazio ai discorsi ufficiali, ma anche al divertimento dei bambini con l’iniziativa Pompieropoli. La benedizione del nuovo gagliardetto ha chiuso le celebrazioni.

di Cristiano Cravero

img_8070San Maurizio Canavese – Una grande festa per una ricorrenza importante quella che si è svolta sabato 17 e domenica 18 settembre per i festeggiamenti del 140esimo anniversario di fondazione del corpo dei Vigili del Fuoco che hanno sede nella cittadina aeroportuale. Sabato mattina, ad aprire le cerimonie ci ha pensato il Sindaco Paolo Biavati che ha salutato il numeroso pubblico intervenuto alla ricorrenza. Nel suo intervento il primo cittadino ha prima ricordato il volume realizzato da Alessandro Mella Le Campane del Fuoco “ sulle note storiche dei pompieri, poi ha rivolto un’accoglienza calorosa al Cav. Gino Gronchi, ufficiale del distaccamento di Volpiano, “da sempre grande amico e cittadino onorario della nostra città”, al Vicesindaco di Ciriè Aldo Buratto e all’ex consigliere regionale Aldo Novero.

A seguire ha preso la parola il Capo distaccamento Diego Coriasco, visibilmente commosso. “Sono passati ormai 140 anni, anzi, volendo essere precisi circa 150, da quando una tromba da incendi, come veniva chiamata allora, giungeva nel paese di San Maurizio, da quando, cioè, un gruppo di cittadini iniziò l’attività del corpo“. Da segnalare anche gli interventi dell’onorevole Robert Triozzi, giunto apposta da Roma per i festeggiamenti, dello scrittore Alessandro Mella e del Capo distaccamento provinciale di Torino Roberto Qubere. Al termine dei discorsi ufficiali, si è tenuto il tradizionale scambio di doni tra l’amministrazione comunale e i rappresentanti dei Vigili del Fuoco.

Nel pomeriggio la festa è proseguita presso il distaccamento di via Batbania, con l’iniziativa rivolta ai bambini Pompieropoli, molto apprezzata dai piccoli affascinati dalle divise del corpo. Le celebrazioni si sono chiuse ieri, domenica 18 settembre, con la sfilata per le vie cittadine e con la tradizionale messa dove per l’occasione è stato benedetto il nuovo gagliardetto appositamente realizzato per l’anniversario.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio