Spettacolo alla seconda edizione della Turin International Cyclocross


Oltre 450 atleti e almeno duemila persone al Velodromo Francone di San Francesco al Campo per il finale di stagione. Samuele Leone e Eva Lechner primi nelle rispettive categorie.

dalla Redazione

Numero di novembre di SullaScia.net LEGGI IL GIORNALE / SCARICA IL GIORNALE

La stagione 2023 del Velodromo Francone si avvia verso la chiusura con il grande successo della seconda edizione della Turin International Cyclocross, evento patrocinato e sostenuto dalla Regione Piemonte, che domenica ha fatto di San Francesco al Campo la capitale del ciclocross italiano. Più di 450 atleti, molti stranieri, hanno corso la terza prova del Master Cross Selle Smp. Il comitato organizzatore presieduto da Davide Francone, ha curato ogni minimo dettaglio, creando un evento che ha riscosso consensi a 360 gradi. Tanto pubblico, sia presente in tribuna sia collegato alla diretta streaming trasmessa sulla pagina facebook del Master Cross.

Tracciato di gara molto insidioso a causa della pioggia caduta nelle settimane scorse che ha esaltato i partecipanti. Gare incerte ed entusiasmanti che spesso si sono decise nell’ultimo giro, come quella riservata alla categoria open maschile, dove il lombardo di Nibionno Samuele Leone, portacolori della Fas Airport Guerciotti Premac, si è aggiudicato il successo al Turin International Cyclocross. Alle sue spalle il trevigiano della Sportivi del Ponte Simone Pederiva ha preceduto l’esperto Cristian
Cominelli
(Cycling Cafè). Appena giù dal podio Antonio Folcarelli e l’atleta di casa Marco Pavan.

Molto incerta anche la gara riservata alle donne open, caratterizzata da un quartetto con Carlotta Borello, Eva Lechner, Rebecca Gariboldi e Alice Papo. Dopo numerose trainate, l’altoatesina Lechner ha guadagnato prima 5, poi 10, poi 15 metri. Un vantaggio che piano piano si è dilatato e stabilizzato. L’atleta piemontese Carlotta Borello, spinta dal tifo del pubblico di casa, ha provato con tutta la sua
tenacia
a ricucire il gap ma non c’è stato nulla da fare. La pluricampionessa Eva Lechner (Ale Cycling Team) ha messo la propria firma sul Turin International Cyclocross. Piazza d’onore a soli 12 secondi per Carlotta Borello (Dp66). Terza piazza a 26 secondi per la lissonese Rebecca Gariboldi (Team Cingolani) che è riuscita a mantenere la leadership nella classifica del Master Cross Selle Smp. Tra le juniores la migliore, ottava assoluta, è stata la giovane toscana Elisa Ferri, mentre Angelica Coluccini ha mantenuto la maglia del Master Cross. Tra gli juniores l’umbro della Fas Airport Guerciotti Premac Mattia Proietti Gagliardoni ha trionfato precedendo un altro atleta dell’Umbria, Giacomo Serangeli (Dp66), e il veneto Stefano Sacchet (Sorgente), Quarto posto per Francesco Baruzzi (Team Piton), quinto Ettore Fabbro (Dp66). La maglia Master Cross è stata vestita da Giacomo Serangeli.

Presenti alla giornata i vertici della FCI regionale e provinciale, da Pierfranco Gugliermetti, Vicepresidente di FCI Piemonte, a Ivano Leone, Presidente di FCI Torino, e poi le autorità locali, il Sindaco del Comune di San Francesco al Campo Diego Coriasco con il Vice Diego Ferron, l’assessore allo Sport Mattia Malara, il consigliere Emanuele Alberto Garbolino, il Sindaco di Rivarolo Canavese Alberto Rostagno e la Sindaca di Cantoria Franca Vivenza.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio