Mappano e il Bilancio di Previsione del disaccordo


Nel mirino dell’opposizione soprattutto i mutui accesi dall’amministrazione, ma anche la scarsa realizzazione di opere. La Giunta del Sindaco Francesco Grassi, però, difende le scelte intraprese.

di Giada Rapa

LEGGI IL GIORNALE / SCARICA IL GIORNALE digitale di Sullascia.net

Durante il Consiglio Comunale di qualche giorno fa, svoltosi con qualche problema di connessione in modalità streaming, l’amministrazione di Mappano ha approvato il Documento Unico di Programmazione e il Bilancio di Previsione 2021-2023.

Com’era prevedibile, la relazione dell’assessore al Bilancio Davide Battaglia non è riuscita a mettere d’accordo maggioranza e opposizione, che sostanzialmente hanno dibattuto su temi già affrontanti durante le approvazioni dei Bilanci di Previsione degli anni precedenti. Le critiche sono sempre le stesse: aver fatto poco o niente in questi anni per il bene del territorio e dei cittadini, proponendo una Previsione di Bilancio ricca di opere che già in passato non si sono mai realizzate. Tuttavia, l’assessore Battaglia si è concentrato sul dietro le quinte del lavoro svolto dall’amministrazione, che è passato da 6 a 21 dipendenti dal 2018 a oggi. “Abbiamo fatto tantissime cose, anche se non tangibili all’esterno”. La conclusione della discussione -senza scordare le accuse ai comuni cedenti, che ormai per l’opposizione sembrano diventate una scusa- è stata affidata al Presidente del Consiglio Comunale Sergio Cretier. “Stiamo portando a termine l’istituzione del Comune, l’opera principale che ci hanno chiesto i nostri cittadini. Credo che nessuno si aspettasse che in un mandato l’amministrazione ponesse fine a un malgoverno di decenni”.

Si sono svolti senza particolari interventi l’approvazione della quota -di 5 mila euro– da destinare agli edifici di culto, la presa d’atto della definizione del valore delle aree fabbricabili, riconfermate rispetto agli anni precedenti sulla base dei valori dei comuni cedenti; il piano alienazioni e valorizzazioni immobiliari 2021-2023, pur non avendo trovato aree; la conferma dell’aliquota IMU e il Regolamento Comunale in merito alla disciplina del Canone Patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria e per l’occupazione di aree e spazi mercatali.

La seduta si è concluso con l’adesione alla Campagna “Coobeeration”, che mira a salvaguardare le api e l’apicoltura, fondamentale nel preservare la biodiversità e migliorare la sicurezza alimentare.


Commenti

commenti