Al via Terra Madre Salone del Gusto: per 5 giorni Torino sarà la capitale dell’alimentazione


Si apre oggi al Parco del Valentino, fino al 26 settembre, il più importante evento internazionale dedicato alla cultura del cibo. Un grande mercato con espositori provenienti dai cinque continenti. Tante le iniziative sparse per la città. Ma non mancano le lamentele.

di G. D’Amelio

valentino-22-1Torino – Parte questa mattina, alle ore 10 con l’apertura degli stand, la prima edizione di Terra Madre Salone del Gusto all’aperto e senza biglietto d’ingresso. Alle 15 l’inaugurazione ufficiale dell’evento alla presenza del ministro Dario Franceschini. Cuore della manifestazione è il primo tratto del Parco, quello che va da corso Vittorio Emanuele II fino al Palazzo di Torino Esposizioni, che ospiterà circa 800 espositori provenienti da 100 Paesi (aperti tutti i giorni dalle 10 alle 19). Oltre 300 sono invece i Presìdi Slow Food, dall’Italia e dall’estero, così come i produttori diretti. Una grande kermesse, insomma, per dare voce alle comunità del cibo e per rendere concreto il concetto voler bene alla Terra, il titolo della rassegna 2016.

LE LAMENTELE – Oltre agli affondi del Coordinamento ambientalista cittadino, che da tempo si schiera contro l’utilizzo del parco come polo fieristico, verso questa manifestazione ci sono da aggiungere quelle dei cittadini che abitano a San Salvario, nei pressi delle location dove si svolgeranno le varie iniziative. Alcune di queste sono state sollevate nella commissione circoscrizionale che si è tenuta ieri al Castello del Valentino per presentare la kermesse al quartiere. Durante l’incontro, ospite il Presidente onorario di Slow Food, Roberto Burdese, critiche sono state sollevate agli organizzatori per la poca informazione che i residenti di corso Marconi hanno ricevuto in merito alla chiusura del viale per 5 giorni. Disappunto anche sul frastuono che inevitabilmente sarà prodotto dall’iniziativa e che andrà ad aggiungersi a quello della movida, creando ulteriori disagi nella zona. Altro tema caldo i tanti giorni utilizzati dai promotori della rassegna per montare/smontare le strutture al parco (permessi fino al 3 ottobre), che hanno sottratto e sottrarranno uno spazio importante ai frequentatori del polmone verde. “Sono d’accordo con i residenti di corso Marconi – ha sostenuto la coordinatrice alla Cultura della Circoscrizione 8, Paola Parmentola – per il fatto che si stiano trovando da un giorno all’altro alle prese con divieti di cui non ne sapevano nulla, ma anche con chi storce il muso per il troppo tempo di occupazione del Valentino. Segnaleremo in Comune questo aspetto – ha aggiunto la coordinatrice – come anche la questione che questi grandi eventi debbano portare delle ricadute significative al parco, con migliorie a beneficio di tutta la popolazione”.

14333755_644740419037671_7846446016978365059_nLE INIZIATIVE COLLATERALI A SAN SALVARIO – Le associazioni e i negozianti che aderiscono a Enjoy San Salvario, hanno predisposto un programma ricco di laboratori, degustazioni, spettacoli, attività ed eventi. A partire da San Salvario Emporium, il mercato dedicato alla creatività emergente, aperto per cinque giorni dalle 11 alle 20 in corso Marconi, nel tratto fra corso Massimo d’Azeglio e via Madama Cristina. Da non perdere anche il tour Spiriti Indipendenti, una mostra sulle eccellenze della liquoristica artigianale che si articola tra corso Marconi e vie limitrofe, tutti i giorni dalle 17 alle 3. C’è poi la rete degli orti scolastici, creata e promossa dalla Circoscrizione 8 in collaborazione con l’associazione Viabaretti, che raccoglie una dozzina di scuole tra materne, elementari, medie inferiori e superiori, e che popone attività didattiche e di confronto. Atteso per domenica 25 settembre il festival internazionale del bagnet verd, promosso e organizzato dall’associazione Miranda, dalle 10 alle 20 in piazza Madama Cristina, Da segnalare anche i percorsi proposti dalle guide bogianen, dal venerdì alla domenica, alla scoperta del patrimonio materiale e immateriale della città di Torino, gli incontri organizzati presso il Polo culturale Lombroso16, la saga dell’agnolotto piemontese, evento organizzato dalla Eria presso Luoghi Comuni San Salvario di via San Pio V, gli appuntamenti alla Casa del Quartiere di via Morgari 14. (leggi o scarica il cartellone delle iniziative).

IN CITTA’ – Conoscere, gustare, imparare, approfondire, scoprire il mondo del cibo. Ci sono molti modi per farlo. Con gli oltre 80 Laboratori del Gusto sparsi per la città, con i 4 Appuntamenti a Tavola serviti dai più grandi chef del mondo, con le 27 lezioni di Scuola di Cucina, nella sede di Eataly, con i tantissimi Appuntamenti didattici per le scuole e le famiglie, con le Conferenze e i Forum di Terra Madre, con i Personal-Shopper e le attività dell’Università di Scienze Gastronomiche, con la Cucina dell’Alleanza in Piazza Castello, con gli eventi di Terra Madre Salone Off. Per il programma completo http://www.salonedelgusto.com/it/#eventi

davLA SICUREZZA – Ingenti le misure che saranno messe in campo. Oltre alla Polizia di Stato, il piano sicurezza prevede la presenza anche dei Carabinieri, Guardia di Finanza, Corpo Forestale, Polizia Penitenziaria, Vigili del Fuoco e Polizia Municipale, per un totale di oltre mille agenti. Il dispositivo di sicurezza, che verrà coordinato dall’Ufficio Prevenzione Generale, prevede anche l’utilizzo delle unità operative antiterrorismo di Polizia e Carabinieri, le UOPI e le API. All’interno del Valentino sarà allestita una Control Room che garantirà il necessario coordinamento tra le forze in servizio e a fronteggiare nell’immediato eventuali criticità.

metro-torinoCOME SPOSTARSI TRA GLI EVENTI – “Meglio farlo a piedi, in bicicletta o utilizzando i mezzi pubblici”. Questo il consiglio che arriva dall’assessorato alla Viabilità e ai Trasporti della Città di Torino, con l’invito a non usare l’automobile per muoversi tra le location della kermesse. Chi sceglie la bicicletta può contare sui tre parcheggi temporanei allestiti nei viali del Parco del Valentino, oppure utilizzare il Bike sharing di ToBike. Coloro che optano per i mezzi pubblici hanno a disposizione, dalle ore 10 alle 19, un servizio navetta gratuito, e integrato con la rete pubblica di trasporto che collega il Valentino, piazzale Valdo Fusi, piazza Castello e stazione Porta Nuova. Per chi arriva da fuori Torino con l’auto la soluzione migliore è posteggiarla nei parcheggi più esterni (Lingotto, Caio Mario, Venchi Unica, Stura) e proseguire con il mezzo pubblico, in particolare con le linee Metro 1, tram 4 e bus 18. Per maggiori info: www.comune.torino.it/trasporti/archivio-news/come-muoversi-a-torino-in-occasione-di-terra-madre.shtml.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio