Alpini delle Valli di Lanzo in trasferta a Bari


Una delegazione di penne nere di Torino, Mathi, Cafasse, Viù e To-Alpette si è recata nella città pugliese per la commemorazione annuale dei Caduti d’Oltre Mare.

di Cristiano Cravero

2TORINO/BARI – Nel fine settimana appena trascorso un gruppo di Alpini della sezione di Torino si è recato nella bella città di Bari per partecipare alla commemorazione annuale dei Caduti d’Oltre Mare, presso l’omonimo Sacrario Militare. Presenti alla manifestazione nazionale il Vicepresidente sezionale, Giovanni Ramondino, con il vessillo portato dal consigliere Giovanni Caravino, accompagnato dai gagliardetti dei gruppi di Cafasse, Mathi, Viù, To-Alpette e di numerosi vessilli arrivati da ogni parte d’Italia. Il Sacrario dei Caduti d’Oltre Mare è il luogo della memoria degli Alpini. Qui riposano le salme di ben 76 mila tra alpini e altre forze dell’esercito italiano. Di questi, 192 sono Medaglie d’Oro, 334 d’Argento, 629 di Bronzo e 624 Croci al Valor Militare.

3Il Sacrario deve il suo nome al fatto che gli oltre 70 mila resti che vi si trovano provengono dalla dismissione dei cimiteri di guerra costruiti nei territori d’oltremare dove operarono le unità italiane durante i due conflitti mondiali (Balcani, Africa Settentrionale e Africa Orientale). A ricordare l’importante evento è Giovanni Ramondino che in poche parole riassume questo importante avvenimento “E’ stato un onore per me poter rappresentare la sezione di Torino a questo importante avvenimento, lo spirito che accumuna tutti gli alpini d’Italia e del mondo ci porta a ricordare annualmente chi con il sacrificio della propria vita ha combattuto per rendere libero il mostro paese. Un ringraziamento a tutti i gruppi che con me hanno intrapreso questo bellissimo viaggio“.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio