L’EVENTO – MITO Settembre Musica 2016 e la novità dell’Open Singing, dove tutti possiamo cantare


Quest’anno il Festival torna con importanti novità, tra le quali l’introduzione della Musica Corale. Gran finale l’11 settembre con il concerto aperto a chiunque. Le partiture sono già scaricabili on line.

di Giada Rapa

2Il Festival MITO Settembre Musica 2016 raggiunge la sua decima edizione e lo fa con una serie di interessanti novità, prima fra tutti l’attenzione esclusiva che quest’anno riserva alla musica classica. Inoltre è stato scelto un tema guida di carattere extra-musicale, “Padri & Figli”, i programmi presenti in cartellone sono tutti originali e inediti, i concerti e gli spettacoli dedicati a bambini e ragazzi hanno respiro internazionale. Ma è l’introduzione della musica corale a rendere l’evento ancora più particolare, con 11 concerti sia a Torino sia a Milano che impegneranno, nel pomeriggio, ben 21 cori. Alla sera, invece, il protagonista diverrà il pubblico stesso per un Open Singing che si svolgerà in piazza del Duomo a Milano e piazza San Carlo a Torino, cantando i brani in programma assieme a cori professionisti e l’appoggio di una formazione specializzata. Una selezione delle partiture che verranno eseguite nelle rispettive piazze è scaricabile dal web.

“Non serve avere alcuna esperienza  -spiega il direttore artistico Nicola Campogrande – perché c’è un coro guida, sul palcoscenico, che è lì per fare ascoltare ciò che va intonato da ogni singola voce (i soprani, i contralti, i tenori, i bassi). E c’è un direttore specializzato nel dirigere il pubblico. Ci sono, insomma, tutti gli elementi che consentono di fare musica tutti insieme, in modo naturale, ma curato. Non si tratta di un semplice happening, al contrario: credo che si tratti di una riappropriazione necessaria, di un’occasione affinché anche chi non ha mai avuto la fortuna di praticare la musica, e in particolare la musica classica, possa farlo”. Quindi un’opportunità di cantare tutti insieme e in scaletta ci sono grandi classici, da Yesterday a Signore delle cime passando per il Va’ pensiero.

Per la prima volta, inoltre, i concerti avranno lo stesso prezzo in entrambe le città: 5 euro per quelli pomeridiani e per quelli destinati a bambini e ragazzi sotto i 14 anni, da 10 a 30 euro gli altri. Quelli nelle zone non centrali delle città e tutti gli eventi compresi nelle giornate di Open Singing sono invece gratuiti.


Commenti

commenti