Riqualificazione periferie: la Circoscrizione 8 propone un centro per anziani sull’area Paoli


20160713_173045TORINO – Il piano prevede interventi nell’ambito di mobilità sostenibile, attività educative e culturali, servizi a sostegno dell’inclusione sociale e welfare.

di Giovanni D’Amelio

Entro il 23 agosto la nuova Giunta guidata dalla Sindaca Chiara Appendino dovrà approvare il dossier sulla riqualificazione delle periferie affinché il Comune di Torino posso beneficiare dei 18 milioni di euro di fondi statali stanziati per il rilancio delle zone cittadine più marginali. Per questo alle Circoscrizioni è pervenuta nei giorni scorsi una comunicazione dagli uffici centrali che chiede ai vari enti di prossimità di avanzare delle proposte già avviate a livello progettuale. “Visti i tempi stretti e la necessità di suggerire interventi ritenuti immediatamente fattibili – spiega il coordinatore ai Lavori Pubblici Massimiliano Miano – come Circoscrizione 8 abbiamo risposto al Comune rispolverando un vecchio progetto del 2005 che prevede la realizzazione sull’area Paoli di una struttura polifunzionale dedicata agli anziani, un’idea mai realizzata per mancanza di fondi“.

Dell’area Paoli, quella landa di terreno del quartiere Lingotto ubicata tra le vie Santa Fè, Asuncion e Pasquale Paoli, attualmente utilizzata come parcheggio, abbiamo parlato pochi giorni fa, quando proprio Miano ha convocato una commissione sul posto per parlare del bando andato a buon fine che prevede la realizzazione di un parking interrato e la riqualificazione dell’area in superficie. “Il centro anziani – prosegue il coordinatore – potrebbe essere costruito vicino ad un giardino attrezzato, spostando ogni ipotesi di spazi sosta (dal capitolato una settantina di parcheggi dovrebbero nascere a cielo aperto, ndr) nella parte sotterranea, che per il 50% potrà essere destinata alla realizzazione di box pertinenziali da mettere in vendita e il resto a posti auto a rotazione pubblica”.

In attesa di capire se la proposta della 8 sia possibile (i lavori dell’autorimessa interrata sono solo in attesa di essere aggiudicati all’azienda vincitrice dell’appalto), ma soprattutto se la stessa sarà ritenuta finanziabile dalla maggioranza pentastellata di via Palazzo di Città, non sono pochi in corso Corsica 55 ad incrociare le dita.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio