Torino: ai Giardini Madre Teresa di Calcutta, prima “Puliamo il Mondo” poi l’aggressione ad un barbone


“Un esempio di multietnicità che mi ha riempito di gioia” ha commentato Carla Pairolero, Presidentessa di Legambiente Metropolitano. Una giornata di integrazione che si è tristemente conclusa con l’attacco ad un senzatetto a cui è stato dato fuoco. “Sulle periferie non bastano le parole!”.

dalla Redazione

Torino – Sabato 28 ottobre si è svolta in città l’ultima manifestazione di Puliamo il Mondo 2017, promossa da Legambiente Metropolitano. L’impegno è ricaduto sui Giardini Madre Teresa di Calcutta, situati in corso Vercelli, da anni in mano a ubriaconi, spacciatori e tossici. “Fra tutte le manifestazioni di quest’anno, questa è stata la più interessante di tutti. Nel pomeriggio erano presenti migranti, anziani, ragazzi, membri dei comitati di quartiere. Ma anche due favolosi bambini cinesi e due ragazzini Rom che non hanno mai smesso di pulire. Una multietnicità che mi ha riempito di gioia: è stato bello vedere grandi e piccini, appartenenti a etnie diverse, riappropriarsi del giardino del loro quartiere” ha riferito Carla Pairolero, Presidentessa dell’associazione.

Assieme a Legambiente sono scese in campo anche altre realtà, come l’associazione per la Riqualificazione del Quartiere Aurora, l’associazione Amece, il Comitato Cittadini Quadrilatero Aurora e l’Istituto Bodoni Paravia. Presente anche Luca Deri, Presidente della Circoscrizione 7, che ha sede proprio di fronte al giardino. Proprio a lui si è rivolto Pairolero. “Noi facciamo la nostra parte, però serve una maggior presenza delle Forze dell’Ordine per vigilare, nonché attuare ogni azione possibile per ridare dignità alle periferie, soprattutto nelle Circoscrizioni 6 e 7. Purtroppo dopo la nostra presenza si è verificato un fatto increscioso e drammatico con l’aggressione ad un clochard a cui è stato dato fuoco e che è attualmente in rianimazione all’ospedale San Giovanni Bosco. Sulle periferie non bastano le parole!” ha concluso con rammarico la Pairolero.


Commenti

commenti