Carnevale di Mathi: il Filandè e la Bela Filandera promettono spettacolo per domenica 5 febbraio


Jacopo Lenti ed Elisa Sopetti

Le maschere di punta della manifestazione cittadina, o giovani Jacopo Lenti ed Elisa Sopetti, invitano tutti a non mancare alla tradizionale sfilata che quest’anno si preannuncia particolarmente gustosa.

di Francesca Di Feo

Mathi – Mancano solo più due settimane allo svolgimento dello storico Carlevà ‘d Mathi e nella cittadina si respira un’atmosfera frizzante. Dopo la nomina ufficiale dei due giovani che vestiranno i panni del Filandè e della Bela Filandera, Jacopo Lenti ed Elisa Sopetti, le due maschere di punta della rivisitazione storica che apriranno la lunga sfilata carnevalesca, il paese si appresta ad accogliere migliaia di visitatori. La 70esima edizione del Carnevale, infatti, dopo uno stop durato 5 anni, si preannuncia scoppiettante, a partire dai numeri: sono attesi circa 2 mila figuranti e una quindicina di carri allegorici provenienti da tutto il Piemonte per animare, a partire dalle ore 14.30 di domenica 5 febbraio, la giornata di festa per il divertimento di piccoli e adulti.

I due studenti che vestiranno i panni del Filandè e della Bela Filandera, entrambi animatori dell’oratorio San Raffaele, si sono detti sorpresi e felici di poter interpretare questo ruolo così importante per la storia della propria città. E sarà proprio all’oratorio che sabato 4 febbraio si svolgerà la festa con i più piccoli per l’investitura ufficiale. “Consiglio a tutti, bambini di partecipare, perché il Carnevale di Mathi è una festa unica” invita Jacopo. ”Penso che il nostro paese abbia bisogno di iniziatiche che coinvolgono la gente per far rivivere e non perdere le tradizioni” ha invece spiegato Elisa, emozionata. “Per questo lanciamo un appello a bambini e genitori. Quel giorno non state chiusi in casa, ma venite al Carnevale, magari portate anche i vostri amici così da poter passare insieme un pomeriggio di festa e allegria”. E da quello che abbiamo visto nelle edizioni precedenti, siamo sicuri che anche quest’anno non saranno deluse le aspettative.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio