LA NOVITA’ – Inaugurato un centro antiviolenza a San Maurizio Canavese


La struttura sarà gestita dall’associazione La Rete delle Donne, realtà attiva da anni sul territorio. Presente al taglio del nastro l’assessora regionale alle Pari Opportunità, Monica Cerruti.

di Cristiano Cravero

dscn0048San Maurizio Canavese – “Finalmente abbiamo uno spazio fisico in cui svolgere la nostra attività” ha affermato qualche giorno fa Fabiola Grimaldi,  Presidente dell’associazione La Rete delle Donne,, durante l’inaugurazione della sede di via Remmert 12.  Il taglio del nastro è avvenuto alla presenza di decine di donne di ogni età, delle autorità comunali, delle forze dell’ordine e di Roberto Canova, Presidente del CIS, il Consorzio Intercomunale dei Servizi Socio Assistenziale. “La nostra realtà aggregativa, che si occupa di ascolto, di sostegno legale e psicologico – ha continuato Grimaldi – si è costituita nel 2012, ma non abbiamo mai usufruito di un’area dedicata. Riteniamo che questo sia stata finora una pecca perché non ha consentito di svolgere un percorso di umanizzazione verso chi ha problemi importanti. Disporre di un luogo in cui ritrovarsi per discutere con calma credo sia importante e per questo ringrazio l’’amministrazione comunale, in particolare l’assessore Mariano Amico e il Sindaco Paolo Biavati; il CIS e Paola Piacenza, dell’Ufficio Lavori Pubblici”.

 

14469605_10210188099400266_3679787589579634755_nCanova, del CIS, ha invece raccontato com’è stata assegnata la struttura. “L’edificio è stato prima l’antico peso del paese e, poi, la stanza degli obiettori di coscienza. L’Uni3 di San Maurizio è subentrata alcuni anni fa, a seguito di una donazione, ma la sede è stata usata per poco tempo a seguito del trasferimento dell’ente a casa Ramello. Quando mi è stato domandato se esistesse qualche locale disponibile, ho subito contattato il Sindaco e siamo riusciti a portare a termine il progetto. Il CIS conta 28 comuni con situazioni molto difficili. Ci sono realtà pronlematiche nelle Valli e speriamo aumenti la  collaborazione con La Rete delle Donne”.

“Con quest’opera di volontariato qualificato – ha aggiunto il Sindaco Biavati – rendiamo un servizio molto utile alla comunità”, mentre l’assessore regionale alle Pari Opportunità, Monica Cerruti, ha sottolineato le leggi in vigore per contrastare la violenza contro le donne. “Ritengo importante sostenere la rete di tutti i centri anti-violenza, perché occorre essere presenti come istituzioni, ed essere vicini soprattutto ai nuclei familiari con difficoltà affinché si possa aiutare le persone a intravedere un’uscita dal tunnel”.

14462827_10210188098440242_7733593545434846897_n“Grazie a tutti per le cose che sono state fatte – ha concluso Maria Luisa Dall’Armi,  membro della commissione regionale Pari Opportunità  e ingraziamo le forze dell’ordine perché solo parlando tra istituzioni ed intervenendo sulla realtà è possibile proseguire sulla strada del contrasto al femminicidio”.

Per contatti https://www.facebook.com/La-Rete-Delle-Donne-1664799130431854/?fref=nf


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio