San Maurizio: sgominata la banda che ricettava parti di autovetture rubate


La notizia dell’operazione, che risale allo scorso settembre, è stata resa nota nella giornata di ieri. Il quartiere generale dei malviventi era in frazione Malanghero.

di Cristiano Cravero

2San Maurizio Canavese – Brillante operazione dei carabinieri del Nucleo Investigativo provinciale che con un minuzioso lavoro sono riusciti a sgominare una banda che era dedita ai furti di auto per poi smontare i pezzi e rivenderli sul mercato nero. L’attività d’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Ivrea, ha portato all’emissione di misure cautelari nei confronti di 7 persone, di cui 4 agli arresti domiciliari e 3 all’obbligo di dimora. Nel corso delle perquisizioni, i militari hanno sequestrato più di 50 centraline decodificate di autovetture che, dai primi accertamenti, risultano essere riconducibili ad altrettante auto rubate.

L’indagine è partita lo scorso giugno, in frazione Malanghero a San Maurizio Canavese, dove i militari hanno individuato il quartier generale dell’organizzazione, un appezzamento di terreno, di proprietà di Santino Trompino, 43 anni, domiciliato a San Carlo Canavese, recintato e trasformato in una fabbrica di smantellamento di auto rubate. Trompino provvedeva con l’aiuto di moglie, figli, parenti a smontare le autovetture con moderne attrezzature. Nel corso dell’operazione, si è accertato che le auto venivano rubate su commissione di un italiano, titolare di una ditta di autodemolizioni di Torino, che richiedeva, in base alle esigenze del mercato, pezzi di ricambio costosi, quali parti di carrozzeria, scatole guida e motori. Una volta finito di smontare i pezzi richiesti su ordinazione, le carcasse venivano poi trasportate nelle campagne del canavese dove venivano abbandonate in luoghi a basso flusso di passaggio, I ricambi, invece, veniva trasportati e stivati in un magazzino sotterraneo di Torino, da dove, a seconda delle richieste, venivano destinati al mercato. Lo scorso settembre i militi hanno chiuso la loro attività con un blitz, arrestando le persone sorprese in fragranza di reato mentre smontavano una Ford Fiesta


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio