LA MOSTRA – Frida Khalo torna alla Palazzina di Caccia di Stupinigi


Sospesa nel 2020 per causa Covid, l’esposizione curata da Next Exhibion torna con un nuovo allestimento e nuovi contenuti nella splendida location alle porte di Torino. Fino al 5 giugno.

dalla Redazione

NUMERO DIGITALE SULLASCIA.NET DI FEBBRAIO LEGGI IL GIORNALE SCARICA IL GIORNALE

Frida Khalo Through the lens of Nickolas Muray. E’ questo il titolo della mostra che si è aperta ieri, sabato 12 marzo nei locali della citroniera di ponente della Palazzina di Caccia di Stupinigi. In totale sono sessanta i ritratti fotografici di Frida Kahlo scattati da Nickolas Muray e diverse lettere di corrispondenza tra Muray e Kahlo. Le fotografie, risalenti al 1937-1946, esplorano la prospettiva unica di Muray, che è stato negli anni ’30 e ’40 amico, amante e confidente di Frida Kahlo. In particolare, la mostra indaga la difficile vita di Frida Kahlo, segnata dalla lunga malattia e da grandi passioni vissute senza freni.

Non solo foto, però. Il percorso espositivo vuole essere un’esperienza immersiva, realizzata tramite la tecnica del video mapping, per condurre il pubblico all’interno delle forme, dei suoni e dei significati della cultura messicana tanto amata da Frida. I visitatori, inoltre, avranno la possibilità di immergersi nei sentimenti e nelle emozioni che hanno caratterizzato l’artista, partendo dall’area introduttiva multimediale che simula rumori e colori dell’incidente che ha segnato la vita dell’artista. Le riproduzioni degli ambienti tanto cari a Frida, come il famoso letto d’arte e di sofferenza, gli abiti messicani, i gioielli, faranno toccare lo spirito di una donna eccezionale.

La mostra sarà visitabile fino al 5 Giugno 2022 dal martedì al venerdì dalle 10 alle 17.30. Chiuso il lunedì. Ultimo ingresso consentito in mostra un’ora prima dell’orario di chiusura. Biglietto intero: 14 € – Ridotto generico (valido per over 65, under 12*, partners convenzionati, studenti universitari): 12 € – Ridotto possessori di Tessera Musei: 10 € – I bambini al di sotto dei 6 anni entrano gratuitamente.


Commenti

commenti

Giovanni D'Amelio